Chiesa di Santa Maria Assunta (Palanzano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria Assunta
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàZibana, frazione di Palanzano
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresanta Maria Assunta
Diocesi Parma
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzioneIX - X secolo
CompletamentoXVI secolo

Coordinate: 44°26′19.56″N 10°09′42.09″E / 44.438767°N 10.161692°E44.438767; 10.161692

La chiesa di Santa Maria Assunta, nota anche come pieve di Zibana, è un luogo di culto cattolico dalle forme romaniche situato a Zibana, piccola frazione di Palanzano, in provincia di Parma; appartiene al gruppo delle pievi parmensi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo di culto, tradizionalmente edificato ai tempi della contessa Matilde di Canossa,[1] fu in realtà probabilmente innalzato già tra il IX e il X secolo; è databile infatti al 1015 il primo documento[2] che menzioni la località di Zibana.[3]

Un'altra testimonianza[4] relativa all'esistenza della chiesa risale al 1230, quando la cappella "de Zubana" dipendeva dalla pieve di San Vincenzo nell'attuale comune di Ramiseto.[3]

Il tempio costituì per tutta l'epoca medievale un frequentato luogo di sosta per i pellegrini, in quanto sorgeva all'incrocio tra la via di Linari, che conduceva all'abbazia sul passo del Lagastrello, e la via del Caio, che valicava il non lontano monte omonimo.[3]

Tra il XVI e il XVII secolo la chiesa fu modificata con l'aggiunta di due cappelle laterali, la leggera sopraelevazione della navata, la ricostruzione dei fianchi e l'innalzamento del campanile e della sagrestia.[5]

Agli inizi del XX secolo la zona absidale fu restaurata con la sostituzione di alcuni conci di pietra.[5]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La piccola chiesa si sviluppa in posizione collinare su un impianto a navata unica affiancata da due cappelle laterali opposte, con ingresso a ovest e presbiterio absidato a est.[3]

L'edificio è completamente rivestito in conci di pietra, di due differenti tipologie corrispondenti alle diverse epoche costruttive del tempio; i blocchi più antichi, di colore grigio-azzurrognolo e di forma e dimensione pressoché regolare, ricoprono l'abside e il prospetto principale nella sua interezza, a eccezione dello spigolo sinistro e della fascia sommitale; le pietre più recenti, di colore grigio-giallastro e di forma e dimensione eterogenea, interessano il resto del prospetto principale, i fianchi, la sagrestia e il campanile.[5] Il tetto a due falde è rivestito in lastre d'ardesia.[3]

La facciata a capanna è caratterizzata dalla presenza del portale d'ingresso centrale, affiancato da due piedritti a sostegno dell'architrave in leggero aggetto; superiormente si apre una finestrella rettangolare con cornice analoga, sovrastata da un piccolo bassorilievo raffigurante una Maestà, aggiunto nel 1681; in sommità è collocata nel mezzo una piccola apertura a forma di croce greca; ai lati dell'accesso sono incastonate due edicole in marmo di Carrara, con cornice in pietra grigia, con andamento a cuspide sulla sinistra e ad arco a tutto sesto sulla destra.[1]

Dai fianchi aggettano le due cappelle, una per lato, e, sul fondo, la sagrestia a nord e il massiccio campanile a base quadrata a sud;[1] la cella, contenente due campane risalenti al 1513,[5] si affaccia sui quattro lati con aperture ad arco a tutto sesto.[1]

Sul retro la pregevole abside semicircolare, rivestita in conci regolari di pietra grigia, è scandita verticalmente da due sottili semicolonne, che inquadrano la monofora centrale strombata ad arco a tutto sesto; in sommità aggetta un motivo ad archetti pensili in arenaria retti da mensoline, quattro delle quali sono decorate con altorilievi raffiguranti le teste degli Evangelisti; a coronamento corre un cornicione scanalato.[1]

All'interno la spoglia navata intonacata, coperta da soffitto a capriate lignee, è affiancata da due ampie arcate a tutto sesto affacciate sulle cappelle laterali.[1]

Oltre l'arco del presbiterio si apre la pregevole abside romanica perfettamente integra, rivestita interamente in conci di pietra squadrati come all'esterno.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine (Zibana, Palanzano), su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 2 luglio 2016.
  2. ^ Atto notarile relativo alla cessione di alcune terre
  3. ^ a b c d e f Relazione di inquadramento archeologico con schede di sito e segnalazioni (PDF), su www.comune.palanzano.pr.it. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  4. ^ Capitulum seu Rotulus Decimarum della diocesi di Parma
  5. ^ a b c d Zibana, Chiesa di Santa Maria Assunta, su www.piazzaduomoparma.com. URL consultato il 2 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]