Chiesa di Sant'Antonio Abate (San Dorligo della Valle, Prebenico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Sant'Antonio Abate
Chiesa di Sant'Antonio Abate (Prebenico, San Dorligo della Valle) 01.jpg
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia
LocalitàPrebenico (San Dorligo della Valle)
Coordinate45°35′12.34″N 13°50′57.81″E / 45.586762°N 13.849393°E45.586762; 13.849393
Religionecattolica di rito romano
TitolareSant'Antonio Abate
Diocesi Trieste
Consacrazione1672
Inizio costruzioneXVII secolo

La chiesa di Sant'Antonio Abate è un edificio di culto cattolico sito a Prebenico, frazione del comune di San Dorligo della Valle, in provincia e diocesi di Trieste; è filiale della parrocchiale di San Dorligo e fa parte del decanato di Opicina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non si hanno notizie certe sulla costruzione della struttura[1], ma una chiesa a Prebenico è attestata per la prima volta in un documento datato 11 giugno 1444 nel quale è menzionata l'ecclesia S. Antonio de Prebenicho[2]. Probabilmente l'edificio venne ricostruito o ristrutturato nella seconda metà XVII secolo[1], dato che fu consacrato il 24 luglio 1672[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio ha una struttura semplice[1]; la facciata è preceduta nel mezzo da un massiccio campanile in pietra, che si erge su un portico a base quadrata aperto su tre lati attraverso ampie arcate a tutto sesto; in sommità la cella campanaria si affaccia sulle quattro fronti attraverso bifore, mentre a coronamento si eleva un tamburo a base esagonale a sostegno della guglia[1].

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno si sviluppa su un'unica navata; sul fondo del presbiterio si allunga l'abside a base poligonale[1]. Opere di pregio qui conservate sono l'acquasantiera in pietra del 1695, la pala dei Santi Filippo e Giacomo, ascrivibile ad un periodo compreso tra i secoli XVIII e XIX, le statue che rappresentano l'Angelo custode, Santa Norburga e San Giuseppe con il Bambino, l'altare maggiore in stile tardogotico e ornato da marmi policromi probabilmente seicentesco, un'ancona con una nicchia all'interno della quale si trova la statua raffigurante Sant'Antonio abate e la pala che ha come soggetto l'Addolorata[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Giuseppe Cuscito, Le chiese di Trieste, Trieste, Edizioni Italo Svevo, 1992, p. 99-100.
  2. ^ a b Chiese Tergestine, su triestestoria.altervista.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Cuscito, Le chiese di Trieste, Trieste, Edizioni Italo Svevo, 1992.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]