Chiesa di Sant'Agapito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Sant'Agapito
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
IndirizzoViale della Venezia Giulia, 21
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareAgapito di Palestrina
Diocesi Roma
Inizio costruzioneXX secolo
CompletamentoXX secolo

Coordinate: 41°53′45.51″N 12°32′53.98″E / 41.895976°N 12.548327°E41.895976; 12.548327

La chiesa di Sant'Agapito è un luogo di culto cattolico di Roma, situato nel quartiere Collatino, in viale della Venezia Giulia 21.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è sorta nella zona in cui un tempo vi era una chiesa dedicata ai martiri Agapito e Felicissimo, entrambi sepolti da papa Sisto II nel cimitero di Pretestato nel 258.

Costruita da papa Felice III intorno al 490, fu successivamente restaurata dai papi Adriano I e Leone III, ma in seguito non se ne seppe più nulla. Nelle Taxae viarum del 1609 la zona era nominata valle di Sant'Agapito[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale chiesa, sede parrocchiale dal 1962 e affidata al clero diocesano[2], si presenta come una semplice costruzione a forma di capannone; reca, all'interno, una scultura lignea realizzata dal Perathoner (Sant'Antonio abate) e una tela di Bedini, il Battesimo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rendina, 12.
  2. ^ Parrocchia eretta l'8 gennaio 1962 con il decreto del cardinale pro vicario Luigi Traglia Cum sanctissimus dominus.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Le chiese di Roma. Storie, leggende e curiosità degli edifici sacri della Città Eterna, dai templi pagani alle grandi basiliche, dai conventi ai monasteri ai luoghi di culto in periferia, Roma, Newton Compton Editori, 2007, ISBN 978-88-541-0931-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]