Chiesa di San Pietro (Soragna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Pietro
Chiesa di San Pietro (Castellina, Soragna) - facciata 1 2019-06-18.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàCastellina (Soragna)
Indirizzovia Castellina San Pietro 1
Coordinate44°54′50.2″N 10°06′26.5″E / 44.913944°N 10.107361°E44.913944; 10.107361
Religionecattolica di rito romano
Titolaresan Pietro
Diocesi Parma
ArchitettoFerdinando Belli
Stile architettonicobarocco e neoclassico
Inizio costruzioneentro il XIII secolo
Completamento1883

La chiesa di San Pietro è un luogo di culto cattolico dalle forme barocche e neoclassiche situato in via Castellina San Pietro 1 a Castellina, frazione di Soragna, in provincia e diocesi di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo di culto, appartenente originariamente alla diocesi di Fidenza, fu edificato in epoca medievale; la prima testimonianza della sua esistenza risale al 1226.[1]

Nel 1681 la chiesa, all'epoca decorata internamente con affreschi, fu profondamente modificata in stile barocco, sostituendo la copertura in legno con una volta a botte lunettata, costruendo la seconda cappella laterale e completando il campanile.[1]

Nel 1706 fu aggiunto il nuovo altare maggiore in cotto e stucco.[1]

Nel 1761 il luogo di culto fu risistemato col rifacimento del tetto, mentre nel 1785 fu edificata la sagrestia.[1]

Nel 1809 il prospetto principale fu modificato con l'eliminazione del protiro, mentre nel 1883 fu completamente ricostruita la facciata in stile neoclassico, su progetto dell'ingegner Ferdinando Belli.[1]

Agli inizi del XX secolo gli interni furono restaurati, sostituendo anche la pavimentazione; inoltre, nel 1919 il campanile fu ricostruito completamente.[1]

Il 24 aprile del 1948 la chiesa fu annessa alla diocesi di Parma.[1]

Il 9 novembre del 1983 un terremoto causò vari danni all'edificio, che tra il 1984 e il 1985 fu restaurato e consolidato strutturalmente.[1]

Tra il 2008 e il 2009 il tetto del luogo di culto fu completamente risistemato.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata e lato sud
Retro e lato nord

La chiesa si sviluppa su un impianto a navata unica affiancata da una cappella su ogni lato, con ingresso a ovest e presbiterio a est.[1]

La simmetrica facciata a capanna, intonacata, è scandita verticalmente in tre parti da quattro lesene elevate su alti basamenti in laterizio e coronate da capitelli dorici; al centro è collocato il portale d'accesso delimitato da una cornice scanalata in marmo rosso e sormontato da un architrave in rilievo; più in alto si apre un finestrone rettangolare con cornice mistilinea in mattoni; in sommità si staglia il frontone triangolare con cornice aggettante in laterizio, sovrastata da due vasi alle estremità.[1]

I fianchi sono suddivisi da paraste; sul retro emerge dalla canonica l'esile campanile, decorato in finto bugnato sugli spigoli; la cella campanaria si affaccia sui quattro lati attraverso monofore ad arco a tutto sesto.

All'interno la navata, coperta da una volta a botte lunettata, è affiancata da una serie di lesene coronate da capitelli dorici, a sostegno del cornicione perimetrale ornato, a intervalli regolari, con teste di angioletti in stucco; attraverso due ampie arcate a tutto sesto si aprono le cappelle laterali voltate a botte, contenenti gli altari con ancone barocche.[1]

Il presbiterio, lievemente sopraelevato, è coperto da una volta a crociera ornata con affreschi raffiguranti elementi e simboli sacri;[1] al centro si innalza l'altare maggiore, sormontato dalla pala barocca in legno intagliato e dorato risalente agli inizi del XVIII secolo; al suo interno è collocata una statua lignea dipinta rappresentante San Pietro Apostolo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Chiesa di San Pietro "Castellina, Soragna", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 5 luglio 2017.
  2. ^ Chiese S. Maria Annunziata e S. Pietro Apostolo, su www.parrocchiasacrafamigliasoragna.it. URL consultato il 5 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]