Chiesa di San Michele (Bevagna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chiesa di San Michele Arcangelo
Facciata e campanile
StatoBandiera dell'Italia Italia
RegioneUmbria
LocalitàBevagna
Coordinate42°55′58.44″N 12°36′27.47″E / 42.9329°N 12.60763°E42.9329; 12.60763
Religionecattolica di rito romano
TitolareSan Michele Arcangelo
Arcidiocesi Spoleto-Norcia
Stile architettonicoRomanico-barocco
Inizio costruzione1070

La chiesa di San Michele è un edificio di storico di culto e parrocchiale di Bevagna, in Umbria.

Rappresenta un bell'esempio dell'architettura romanica della regione.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Veduta dell'interno.
La cappella barocca della navata destra.

La chiesa venne costruita nel 1070 sul luogo di un antichissimo oratorio[1] dai maestri Binello e Rodolfo[2], che sono citati da un'iscrizione posta all'ingresso. La facciata venne realizzata in blocchi di travertino all'inizio del XIII secolo[3] riutilizzando, nelle decorazioni del portale, materiale romano di reimpiego rilavorato. Il giro dell'arco esterno presenta una decorazione a mosaici cosmateschi. Il campanile cuspidato è gotico. Si presenta con pianta basilicale a tre navate e coro absidato sopraelevato sulla cripta.

Elevata ben presto a collegiata, con le distruzioni del 1248 ad opera di Federico II di Svevia, cessò di esserlo anche se mantenne sempre un priore[1]. Venne ristabilita come collegiata solo nel 1618 per volere di papa Paolo V ed ulteriormente elevata di importanza nel 1741 da papa Benedetto XIV che concesse ai priori di Bevagna la stessa vestizione degli arcivescovi di Spoleto[1].

Nel 1741, in quest'occasione, si procedette a un rinnovamento profondo dell'edificio secondo le nuove tendenze dello stile barocco. I capitelli interni delle colonne vennero mutilati per poter essere ricoperti di stucchi, la navata ebbe volte settecentesche e la facciata perse il suo rosone originale.

Con il periodo Napoleonico la collegiata venne nuovamente e definitivamente soppressa, restando una delle tre parrocchie di Bevagna.

Tra il 1951 e il 1957 si procedette a una grande campagna di restauro dell'edificio, volto a liberarlo dagli apporti settecenteschi e riportarlo all'aspetto medioevale[4], anche se molto dell'originale è andato perduto e il restauro venne spesso eseguito secondo interpretazioni. In stile barocco, si lasciò solo la cappella della navata destra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le Chiese d'Italia dalla loro origine sino ai nostri giorni pag. 392
  2. ^ Sito ufficiale del Comune di Bevagna.
  3. ^ Sito www.stradadelsagrantino.it, su stradadelsagrantino.it. URL consultato il 7 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  4. ^ "Umbria", Guida TCI, 2002, pag. 122.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140818044 · GND (DE7609150-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n87898443