Chiesa di San Carpoforo (Bissone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Carpoforo
Bissone chiesa San Carpoforo facciata.jpg
Facciata
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino
LocalitàBissone
ReligioneCattolica
Diocesi Lugano
Stile architettonicotardorinascimentale, barocco
Inizio costruzionesecolo XVI
Completamento1784

Coordinate: 45°56′56.36″N 8°57′58.61″E / 45.94899°N 8.96628°E45.94899; 8.96628

La chiesa parrocchiale di San Carpoforo[1] è un edificio religioso che si trova a Bissone, in Canton Ticino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La struttura viene citata per la prima volta in documenti storici risalenti al 1148, anche se potrebbe essere stata fondata diversi secoli prima. Venne profondamente rimaneggiata sia nel XVI che nel XVII secolo

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa ha una pianta a tre navate, sui cui fianchi si aprono sei cappelle laterali. La navata centrale è ricoperta da una volta a botte lunettata mentre le navate laterali ed il coro sono coperte da una volta a vela. Sulla campata precedente il coro si apre una cupola. L'interno è ornato da numerosissimi stucchi e da affreschi di Giovan Francesco Gaggini e Carpoforo Tencalla.

Chiesa di San Carpoforo, interno

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 231.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 321-323.
  • Ivano Proserpi, La chiesa parrocchiale di San Carpoforo a Bissone TI, in Guide di monumenti svizzeri, 406, serie 41, Berna, 1987, 14.
  • Simona Sartori, Il Settecento a Cuneo: interventi decorativi nelle chiese, in Giovanni Romano, Gelsomina Spione (a cura di), Cantieri e documenti del Barocco. Cuneo e le sue valli (catalogo della mostra tenutasi a Cuneo tra maggio-giugno 2003), Cuneo 2003, 71-100.
  • Laura Damiani Cabrini, Francesco Innocenzo Torriani, pittore "di studio" e "d'invenzione", in Laura Damiani Cabrini, Anastasia Gilardi (a cura di), Francesco e Innocenzo Torriani. Opere e vicende di due artisti del Seicento, Mendrisio, 2006, 65-71, 89.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 357-359.
  • Andrea Spiriti, I Gaggini. Una stirpe di artisti bissonesi, in Giorgio Mollisi (a cura di), Bissone terra di artisti, Arte&Storia, anno 8, numero 41, Editrice Ticino Management S.A., dicembre 2008, 43.
  • Mirko Moizi, Giovan Francesco Gaggini, in Giorgio Mollisi (a cura di), Bissone terra di artisti, Arte&Storia, anno 8, numero 41, Editrice Ticino Management S.A., dicembre 2008, 124-146.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]