Namkhai Norbu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Chögyal Namkhai Norbu)
Chögyal Namkhai Norbu

Chögyal Namkhai Norbu (Derge, 8 dicembre 1938) è un accademico tibetano.

Nato nel 1938 a Derghe, nel Tibet orientale, Namkhai Norbu è considerato uno dei principali maestri viventi del buddhismo tibetano. Docente della Università Orientale di Napoli tra il 1962 e il 1992, ha vissuto e insegnato in Italia per molti anni. Viene chiamato con l'appellativo di Rinpoche.

Da bambino viene riconosciuto come reincarnazione, o tulku, di Adzom Drugpa (1842-1924), maestro di Dzog-chen, e di Shabdrung Ngawang Namgyal (1594-1651, primo Dharmaraja del Bhutan). Inizia a frequentare i più illustri maestri dell'epoca e nel 1955 diventa allievo di Changchub Dorje (1826-1961), il cui stile di vita lo ispirerà profondamente.

Nel 1960, trovatosi nel Sikkim senza poter ritornare in patria a causa della rivoluzione cinese, venne invitato in Italia dal professor Giuseppe Tucci, orientalista, iniziando a lavorare all'Ismeo (Istituto per il Medio e l'Estremo Oriente) a Roma, fino a divenire docente di Lingua e Letteratura Tibetana e Mongola presso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli.

Durante gli anni settanta, Chögyal Namkhai Norbu incomincia a insegnare Dzog-chen, riscontrando un notevole interesse sia in Italia sia in tutta Europa, fino al 1981, data della fondazione del Centro di Merigar West, prima sede della Comunità Dzog-chen, sul Monte Labbro, nei pressi di Arcidosso (GR). Sorgono successivamente centri in varie parti d’Europa, in Russia, nel Sudamerica, negli Stati Uniti e in Australia.

Verso la fine degli anni ottanta, Chögyal Namkhai Norbu fonda ASIA (Associazione per la Solidarietà Internazionale in Asia), un’organizzazione impegnata in progetti educativi e medico-sanitari rivolti alla popolazione tibetana, e l’Istituto Shang Shung con il compito di salvaguardare la cultura tibetana.

Ancora oggi Chögyal Namkhai Norbu viaggia in tutto il mondo tenendo conferenze e ritiri cui partecipano migliaia di persone.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Namkhai Norbu, Il libro tibetano dei morti, Roma, Newton Compton, 1983.
  • Namkhai Norbu, Lo Specchio - Un consiglio sulla presenza e la consapevolezza, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1983.
  • Namkhai Norbu, Il ciclo del giorno e della notte. La via quotidiana dell'Atiyoga, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1984.
  • Namkhai Norbu, Il piccolo canto del fai come ti pare, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1986.
  • Namkhai Norbu, Dzogchen - Lo Stato di Autoperfezione, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore, 1986.
  • Namkhai Norbu, Il Cristallo e la Via della Luce - Sutra, Tantra e Dzogchen, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore, 1987.
  • Namkhai Norbu, Un'introduzione allo Dzogchen. Risposte a sedici domande, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1988.
  • Namkhai Norbu, Dzogchen e Zen, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1989.
  • Namkhai Norbu, Viaggio nella cultura dei nomadi tibetani, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1990.
  • Namkhai Norbu, Il vaso che esaudisce i desideri. Istruzioni sulla base del Santi Maha Sangha, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1993.
  • Namkhai Norbu, Lo Yoga del Sogno e la Pratica della Luce Naturale, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore, 1993.
  • Namkhai Norbu, Un consiglio dal profondo del cuore per mia madre Yeshe Chödrön, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1995.
  • Namkhai Norbu, Drung, Deu e Bön, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1996.
  • Namkhai Norbu, La suprema sorgente, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore, 1997.
  • Namkhai Norbu, La collana di Zi, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 1997.
  • Namkhai Norbu, Adriano Clemente, La Suprema Sorgente - Kunjed Gyalpo, il Tantra fondamentale dello Dzogchen, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore, 1997.
  • Namkhai Norbu, Lo specchio. Un consiglio sulla presenza della consapevolezza, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 2005.
  • Namkhai Norbu, Nascere, vivere e morire, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 2007.
  • Namkhai Norbu, Longchenpa – Trenta consigli dal profondo del cuore, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 2010.
  • Namkhai Norbu, Yantra Yoga. Lo yoga tibetano del movimento, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 2011.
  • Namkhai Norbu, Corpo di Luce. La vita e la realizzazione di Togden Ugyen Tendzin, Arcidosso, Shang Shung Edizioni, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elementi correlati[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 101809838 LCCN: n/83/14104