Rinpoche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rinpoche (in grafia tibetana: རིན་པོ་ཆེ, rin po che, col significato di "prezioso", "quello prezioso"; lett.: རིན, rin = "valore"/ ཆེ, che = "grande"/ པོ, po= "quello", quindi "di grande valore", "prezioso"), è, in lingua tibetana, un titolo onorifico di carattere religioso impiegato nel buddhismo tibetano per appellare i trülku, i lama incarnati; o comunque, tutti coloro riconosciuti come "lama di fiducia", o a cui è concessa una grande stima.

Rinpoche rinomati[modifica | modifica wikitesto]

In Tibet e Bhutan, quando si usa come "Guru Rinpoche" vuole significare Padmasambhava, colui il quale per primo è considerato come portatore del Buddismo tibetano nel territorio dell'Himalaya. Quando si utilizza invece come "Je Rinpoche", si riferisce generalmente a Je Tsongkhapa, il fondatore della scuola Gelug.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]