Cetra (antichità classica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cetra
Britannica Cithara Phorminx.jpg
Suonatore di cetra a otto corde, da un'antica raffigurazione vascolare greca
Informazioni generali
Origine Grecia
Invenzione Antichità
Classificazione Cordofoni composti, con corde parallele alla cassa armonica, a pizzico
Uso
Musica dell'antichità
Genealogia
Discendenti 
Lira

La cetra (in greco antico: κιθάρα, kithára) è stato uno strumento musicale dell'antichità classica, appartenente alla famiglia dei cordofoni.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "cetra" ha radici antiche e comuni alla chitarra, al sitar indiano e al setar persiano, deriva appunto dal persiano "chahar" quattro e "tar" corde, in quanto i primi liuti arabi avevano quattro corde.

La storia della cetra si perde nei tempi bui dell'antichità. Dalla lettura della Bibbia veniamo a conoscenza che la usò molto Re Davide per i suoi salmi, tanto che in molti di essi compare il nome di questo strumento musicale.

La cetra ebbe una notevole diffusione sin dall'antica Grecia dov'era suonata da citaredi professionisti ed era molto spesso utilizzata, sia negli atenei che nelle corti; troviamo tracce di questo strumento anche nella grande tradizione della mitologia; il suo uso inoltre prese corpo anche a Roma e in Corsica.

Si sono sviluppate molte varianti fra i popoli, come l'arpa turca, il nebhel egizio, il kinnor ed il dulcimer (ebraici), il psalterium (romano), il tar (Persia), l'arpa celtica ed il gusli russo, fino a giungere alla chitarra come la conosciamo oggi.

Vi sono tracce di strumenti tipo cetre anche nell'impero cinese antico, durante la dinastia Chou. In particolare la prima cetra asiatica fu il Guqin, una cetra a sette corde.

Nel corso dei secoli la sua struttura venne ulteriormente modificata, fino ad arrivare ad intendere per cetra quella che viene più correttamente chiamata cetera, ossia uno strumento in uso nel Rinascimento dalla cassa di risonanza piatta le cui doppie corde metalliche venivano pizzicate, dotato di un lungo manico e dalla struttura paragonabile a quella di una pera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'iconografia greca del V e VI secolo, quella relativa alle pitture sui vasi, ci permette di capire la forma che aveva questo strumento che il più delle volte era raffigurato in mano al dio Apollo mentre era intento a suonare.

La cetra era costruito come la lira ma di dimensioni maggiori, arrivando a essere grande circa la metà di una persona umana. La cetra aveva una cassa armonica con due bracci, che all'interno erano vuoti, e che collegati tra loro da una traversa; tra questa traversa e la base della cassa erano tese le cinque corde: per aumentare la tensione della corda si usava ripiegarla con un legnetto intorno alla paletta che poi veniva bloccato con un pezzo di ferro o di legno.

Dal punto di vista organologico, la cetra antica non appartiene quindi alla famiglia delle cetre definita nella classificazione Hornbostel-Sachs, ma invece a quella delle lire (o "liuti a giogo").

La cetra nella poesia[modifica | modifica wikitesto]

Il poeta Salvatore Quasimodo menziona questo strumento nella poesia Alle fronde dei salici ove è presente anche un richiamo biblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, vol. III, UTET, 1967, p. 21.
  2. ^ Tullio De Mauro, Grande dizionario italiano dell'uso, vol. II, UTET, 2003, p. 1073.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniele Sestili, Musica e tradizione in Asia orientale. Gli scenari contemporanei di Cina, Corea e Giappone, Roma, Squilibri, 2010

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4163975-3