Castello di Edo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Edo
Edo P detail.jpg
Il castello raffigurato in un dipinto del XVII secolo
Ubicazione
Stato attualeGiappone
CittàTokyo
Coordinate35°41′17.96″N 139°45′15.8″E / 35.688322°N 139.754389°E35.688322; 139.754389Coordinate: 35°41′17.96″N 139°45′15.8″E / 35.688322°N 139.754389°E35.688322; 139.754389
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneXV secolo
Demolizione5 maggio 1873
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Edo (in giapponese 江戸城, Edo-jō) è un'architettura militare di Tokyo, costruita nel XV secolo, quando la città attuale era nota col nome di Edo, nella zona di Chiyoda nel complesso del Kōkyo, il palazzo imperiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo edificio costruito sul questo sito fu la residenza del guerriero Edo Shigetsugu alla fine del XII secolo. Le terre del clan Edo passarono sotto il controllo di Ōta Dōkan (1432-1486) che fece costruire un nuovo castello nel 1457.

Passò in seguito nelle mani del clan Hōjō, poi a Ieyasu Tokugawa che vi fondò lo Shogunato Tokugawa. Il castello divenne allora residenza degli shōgun, quindi centro militare nel periodo Edo della storia giapponese. Iniziati nel 1593, i lavori si conclusero sotto il terzo shôgun, Iemitsu Tokugawa, nel 1636[1]. Tutti i suoi discendenti ingrandirono l'edificio, che divenne il più vasto del mondo.

Durante il periodo Meiji nel 1868, dopo l'evizione degli shōgun ed il ritorno della Corte a Edo[2] il castello divenne residenza imperiale.

Il 5 maggio 1873 il castello fu distrutto da un incendio nelle parti più antiche. Nel 1888 iniziò la costruzione di nuovi edifici nel complesso, per accogliere l'attuale palazzo imperiale, il Kyūden (宮殿).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carte du district de Bushū Toshima, à Edo - Bibliothèque numérique mondiale
  2. ^ Prima di allora l'Imperatore e la sua famiglia risiedevano nel palazzo imperiale di Kyoto

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN254834808 · NDL (ENJA00953731 · WorldCat Identities (EN254834808