Castello Theodoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'edificio nel comune co-provinciale di San Vito Romano, vedi San Vito Romano#Storia.
Castello Theodoli
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLazio Lazio
CittàSambuci
Informazioni generali
Inizio costruzioneXII secolo
Primo proprietarioD'Antiochia
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Theodoli è un castello di Sambuci, in provincia di Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello viene già menzionato in una lapide del 1052 sulla facciata della Chiesa di Santa Scolastica, come proprietà dell'Abbazia.

Nel XII secolo il feudo passò ai D'Antiochia che furono i primi a gettare le basi dell'attuale fortezza, ma nel 1541 il feudo venne ceduto ai Mareri per essere acquistato dieci anni dopo dal vescovo di Sulmona Pompeo Zambeccari.

Nel XVI secolo il feudo diviene proprietà degli Astalli e nel 1654 il cardinale Camillo Astalli, segretario di Papa Innocenzo X, lo scelse come propria dimora. Il castello subì varie ristrutturazioni per assumere l'aspetto di una villa signorile, infatti fu allestito un giardino all'italiana e un'elegante loggia in stile barocco. Durante la ristrutturazione furono inoltre allestite:

tutte opera di Giovanni Angelo Canini, apprendista del Domenichino, ad eccezione del Salone del Carro del Sole, che è opera invece di Mario de' Fiori e fu portato lì nel 1883, dopo la distruzione del Palazzo Theodoli di Roma tra il 1881 e il 1882

Nel XVIII secolo il castello passò ai Piccolomini e infine nel 1878 i proprietari divennero i Theodoli. Girolamo Theodoli ornò ulteriormente il giardino aggiungendo 4 statue raffiguranti le stagioni ed un boschetto.

Durante la Seconda Guerra Mondiale il castello subisce gravi danni poiché era stato usato dai tedeschi per nascondere i carri armati provenienti da Montecassino.

Il parco del castello, noto come "La Villa", diviene parco comunale nel 1991, misura 54 650 m2 ed è ancora ornato da due siepi raffiguranti le ruote dello stemma dei Theodoli e i tre cerchi dello stemma degli Astalli.[1][2]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è a pianta rettangolare con torri di avvistamento ai 4 angoli.

È suddiviso su 3 piani:

  • 1º piano: sale di rappresentanza e sale private;
  • 2º piano: sale degli ospiti;
  • 3º piano: sale della servitù.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Sambuci (RM) - Castello Theodoli - Tesori del Lazio, in Tesori del Lazio. URL consultato il 6 luglio 2018.
  2. ^ Il castello, su www.comunesambuci.rm.it. URL consultato il 6 luglio 2018.