Casa dell'Obelisco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casa dell'Obelisco
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Torino
Indirizzo piazza Crimea, 2
Coordinate 45°03′22.23″N 7°41′44.38″E / 45.056174°N 7.69566°E45.056174; 7.69566Coordinate: 45°03′22.23″N 7°41′44.38″E / 45.056174°N 7.69566°E45.056174; 7.69566
Informazioni
Condizioni completato
Costruzione 1954 - 1959
Uso residenziale
Realizzazione
Architetto Sergio Jaretti Sodano, Elio Luzi
Costruttore Impresa Manolino

La Casa dell'Obelisco è un edificio residenziale di Torino, ubicato nel quartiere residenziale residenziale Borgo Po, e più precisamente all'interno del quartiere di fine Ottocento Borgo Crimea, nella piazza omonima di fronte all'obelisco, da cui ha preso il nome. In una zona con alti valori fondiari e densa di edifici di pregio[1].

Cenni storici e caratteristiche architettoniche[modifica | modifica wikitesto]

La Casa dell'Obelisco è un'architettura che ha costituito una sorta di provocazione rispetto al contesto architettonico torinese dell'epoca, con un notevole ritorno in termini di immagine per gli autori del progetto e l'Impresa Manolino, la ditta costruttrice che lo ha commissionato e realizzato tra il 1954 e il 1959.

Progettata da Sergio Jaretti Sodano ed Elio Luzi nel 1954, aderisce perfettamente a quella corrente di architettura neoliberty, che si era manifestata a Torino con le prime opere di Roberto Gabetti e Aimaro Isola. L'edificio residenziale è caratterizzato dai prospetti curvilinei delle facciate, marcatamente scanditi da rilievi orizzontali sovrapposti. Questo presenta una sua particolare armonia delle forme e richiama le morfologie moderniste di Gaudì (vedi Casa Milà) ma con qualche accenno riconducibile a Frank Lloyd Wright, in particolare i pilotis del Johnson Wax Building del 1936-39. Nonostante le sinuosità dei prospetti esterni, l'edificio si basa su una planimetria variegata ma regolare, sviluppata su cinque piani fuori terra da tre unità abitative ciascuno (alcuni su due livelli) ma con le pareti interne assolutamente rettilinee.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Casa dell'Obelisco

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984 , p. 633
  • Carlo Olmo (a cura di), Cantieri e disegni. Architetture e piani a Torino 1945-1990, Umberto Allemandi & C., Torino 1992
  • Luca Barello, Elio Luzi (a cura di), Le case Manolino: storia di una famiglia di costruttori e due architetti, Il Tipografo, Buttigliera d'Asti 1997
  • Sergio Pace, Casa dell'Obelisco, in Vera Comoli, Carlo Olmo (a cura di), Guida di Torino. Architettura, Allemandi, Torino 1999, p. 206
  • Paolo Scrivano, Elio Luzi in Carlo Olmo (a cura di), Dizionario dell'architettura del XX secolo (Vol. II), Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, Roma 2003
  • Casabella, 1973, n. 375.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]