Carlo Donelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carlo Vimercati)
Jump to navigation Jump to search

Carlo Donelli ( meglio conosciuto come Carlo Vimercati) (Milano, 21 settembre 1661Milano, 20 ottobre 1715) è stato un pittore italiano del periodo tardo barocco attivo a Milano.

Compianto del Cristo morto (Fondazione Cariplo)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di questo pittore milanese abbiamo incerte notizie. Forse il nome di Vimercati, col quale fu meglio conosciuto, proviene dall'omonima cittadina lombarda di Vimercate, che taluni ritengono sia il suo vero luogo di nascita. Il suo primo maestro fu Ercole Procaccini il Giovane, anche se la sua pittura risente dell'opera di Giulio Cesare Procaccini e Daniele Crespi, quest'ultimo infatti da taluni è ritenuto il suo vero maestro. Carlo Vimercati morì a Milano nel 1715 all'età di 55 anni, fra i suoi allievi ci fu Francesco Ferdinandi detto l'Imperiali che fu maestro di Pompeo Batoni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fu pittore di corte della famiglia Borromeo, per la quale decorò vari palazzi fra i quali quello dell'Isola Bella sul Lago Maggiore e il Palazzo Arese Borromeo di Cesano Maderno. A Palazzo Trotti di Vimercate decorò la cosiddetta Sala di Bacco (1710).

Altre sue opere si trovano sia a Milano, come ad esempio una tela delle storie di San Sebastiano nella Basilica di Sant'Ambrogio, che nei dintorni come la Sacra famiglia col Padre Eterno, per il santuario dell'Addolorata di Rho. Poche notizie ci arrivano dagli storici dell'arte sette-ottocenteschi come l'Abate Lanzi che lo cita come allievo dei Procaccini:

«il Vimercati non espose in Milano alla vista pubblica se non poche cose; più dipinse in Codogno e nella sua miglior maniera»

(Luigi Lanzi, Storia pittorica della Italia, dal risorgimento delle belle arti fin presso al fine del xviii secolo)

Mentre Pellegrino Antonio Orlandi nel suo tomo Abbecedario Pittorico aggiunge:

«s'impadronì d'un perfetto disegno, e di un sodo colorito, che gli acquistò molto di gloria»

Negli ultimi anni di vita fece la pala per l'altare maggiore della chiesa delle orsoline a Codogno, ed è ciò a cui si riferisce il Lanzi nella Storia pittorica, con una Visitazione, oggi conservata nel Museo di arte sacra di Lodi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Pacciarotti, Carlo Donelli detto il Vimercati, in Settecento lombardo (catal.), Milano 1991, pp. 69–72
  • A. Poggi, I disegni di Carlo Donelli detto il Vimercati. Un'esperienza accademica nella Milano tra Sei e Settecento in Nuovi Studi: rivista di arte antica e moderna, anno XI, n. 12, 2007
  • Domenico Sedini, Carlo Donelli, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75042168 · GND (DE133442802 · ULAN (EN500028516 · CERL cnp01127429