Carlo Ridolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Ridolfi

Carlo Ridolfi (Lonigo, 1594Venezia, 1658) è stato un pittore e scrittore italiano.

Nacque a Lonigo, nella provincia vicentina, ma si trasferì molto giovane a Venezia, dove fu allievo del pittore Antonio Vassilacchi, noto come l'Aliense[1]. Di Ridolfi pittore si ricorda, in particolare, una Visitazione già nella chiesa di Ognissanti (ora alle Gallerie dell'Accademia, depositi) e un'Adorazione dei Magi, ancora visibile nella chiesa di San Giovanni Elemosinario e la copia di Tintorettos Lavanda dei piedi nella Chiesa di San Marcuola. Il originale venne nella collezione di Carlo I d'Inghilterra, oggi generalmente pensato trovarsi nel Museo del Prado.[2][3] La copia di Ridolfi resta ancora nella Chiesa di San Marcuola.[3] Altre opere sono oggi sparse nella Terraferma veneta.

Fu anche incisore ma soprattutto collezionista di disegni, come il suo omologo toscano Giorgio Vasari: molti pezzi della sua raccolta si trovano oggi presso la Christ Church Library di Oxford, in Inghilterra.

Il biografo degli artisti[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Ridolfi è ricordato soprattutto per aver scritto una raccolta di biografie di pittori veneti: la sua opera più nota si intitola Le Maraviglie dell'arte, uscita nel 1648. In precedenza aveva dato alle stampe la vita di Jacopo Tintoretto (1642) e quella di Paolo Veronese (1646)[4].

Se Vasari si dedicò soprattutto agli artisti toscani, il Ridolfi trattò specialmente quelli di terra veneta: la sua intenzione era quella di completare il testo vasariano, che trascurava gli artisti della Serenissima. Lo stile letterario di Carlo Ridolfi è spesso ampolloso e ricco di citazioni erudite, mentre le sue vite sono quasi sempre arricchite di aneddoti e curiosità biografiche. Nonostante alcuni suoi giudizi siano stati messi in discussione[5], il libro di Ridolfi rimane comunque una fonte fondamentale per la storia della pittura del Cinquecento veneto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Polati, Il cavalier Carlo Ridolfi (1594-1658): la vita e l'opera pittorica, Vicenza, Editrice Veneta, 2010.
  2. ^ Prado
  3. ^ a b Churches of Venice
  4. ^ Julius Schlosser Magnino, La letteratura artistica, Firenze, La Nuova Italia, 1924-2000; pag. 531
  5. ^ Michael Hirst in Jane Martineau (ed), The Genius of Venice, 1500-1600, pag. 210, 1983, Londra, Royal Academy of Arts

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN73991883 · LCCN: (ENn83161923 · ISNI: (EN0000 0000 8154 0981 · GND: (DE121651932 · BNF: (FRcb13178034f (data) · ULAN: (EN500013305 · BAV: ADV10267543 · CERL: cnp00439411