Anonimo Gaddiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Anonimo Gaddiano o Magliabechiano è un manoscritto della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (Cod. Magliab. XVII, 17).

Già appartenuto alla famiglia Gaddi, il testo è poi entrato nella collezione di Antonio Magliabechi, che rappresenta il nucleo centrale della biblioteca fiorentina (da cui i nomi). Mentre la sezione iniziale è dedicata agli artisti delle Grecia antica, riprendendo sostanzialmente il racconto di Plinio il Vecchio, la parte più consistente è dedicata agli artisti fiorentini e alle loro opere. Il manoscritto è databile al 1540 circa ed è una fonte particolarmente preziosa per lo studio della storia dell'arte italiana, rappresentando la trattazione più completa sull'argomento prima dell'edizione del 1550 delle Le Vite di Vasari: lo stesso Vasari vi dovette attingere numerose informazioni. L'ipotesi della dottoranda olandese Bouk Wierda che l'autore possa essere stato Bernardo Vecchietti, influente uomo politico della corte di Cosimo I, non ha convinto gli studiosi.[1]

Artisti trattati o citati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The True Identity Of The Anonimo Magliabechiano (PDF), su rug.nl. URL consultato il 25 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN121799635 · ULAN (EN500321904 · WorldCat Identities (EN121799635
Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte