Carlo Chatrian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Chatrian (Torino, 9 dicembre 1971) è un giornalista e scrittore italiano, dal 2012 direttore artistico del Festival del film Locarno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in Lettere e Filosofia presso l’Università di Torino nel 1994. È caporedattore della rivista «Panoramiques» e collabora come criico alle riviste «Duellanti», «Filmcritica» e «Cineforum»[1].

Collabora con festival e istituti come programmatore[2]: Museo nazionale del Cinema, Torino (1994); Filmmaker Doc, Milano (1995-2005); Alba International Film Festival (Vicedirettore 2001-2007); Courmayeur Noir in festival (Curatore sezione Doc Noir 2002-2010); Festival del film Locarno (Membro del comitato di selezione 2006-2009, Curatore retrospettiva dal 2008[3]); Festival dei Popoli, Firenze (Membro del comitato di selezione dal 2008, Responsabile della selezione dal 2011[4]); Cinéma du réel, Parigi (2010); Cineteca svizzera, Losanna (Consulente dal 2010); Visions du Réel, Nyon (Programmatore dal 2011); Fondazione Film Commission Vallée d'Aoste (Direttore dal 2011[5]).

Il 4 settembre 2012 Carlo Chatrian è diventato direttore artistico del Festival del film Locarno[6].

Come autore ha curato in collaborazione con altri autori monografie su diversi registi come Wong Kar Wai, Johan van der Keuken, Frederick Wiseman, Errol Morris, Maurizio Nichetti e Nanni Moretti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Chatrian, 15 maggio 2009. URL consultato il 30 giugno 2010.
  2. ^ Carlo Chatrian, 30 agosto 2010. URL consultato il 30 giugno 2010.
  3. ^ Locarno, 20 dicembre 2011. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  4. ^ Festival dei Popoli, 20 dicembre 2011. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  5. ^ Film Commission Vallée d'Aoste, 20 dicembre 2011. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  6. ^ Direttore artistico, 4 settembre 2012. URL consultato il 5 settembre 2012.