Carla Parsi-Bastogi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carla Parsi-Bastogi (19041986) è stata una scrittrice italiana.

Fu autrice di racconti fantascientifici a partire dagli anni venti, alcuni dei quali ristampati negli anni ottanta[1] e tradotti in rumeno.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • La leggenda del mare, 1922; rist. 1985
  • Estrema umanità, 1922; rist. 1985
  • Primo-Solvang, in Galassia n. 41, 1964
  • Gli specchi, 1965
  • Il teatro di Etar, 1969
  • Stratagemma temporale, in Oltre il Cielo n.152, 1969. Tradotto in (RU) Stratagemă temporală, in Fantascienza. Povestiri italiene, 1973.
  • La seconda semina, 1972
  • Il cane marziano, 1974
  • Vrl, 1976
  • Il gatto, 1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bibliografia italiana di Carla Parsi-Bastogi, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)
  2. ^ (EN) Bibliografia di Carla Parsi-Bastogi, in Internet Speculative Fiction Database, Al von Ruff.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Fiera letteraria, Società italiana pubblicità per azioni, 1974, p. 269.
  • Inisero Cremaschi, Universo e dintorni: 29 autori italiani di fantascienza, Garzanti, 1978, p. 27.
  • Gianni Pilo, Catalogo generale della fantascienza in Italia, 1930-1979, Fanucci, 1980, p. 226.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]