Carla Parsi-Bastogi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carla Parsi-Bastogi (Torino, 19041986) è stata una scrittrice italiana, pioniera della letteratura fantascientifica in Italia.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu autrice di racconti fantascientifici, scritti con uno stile poetico e sognante.[2]

Negli anni venti, ancora giovanissima e influenzata da Flammarion, scrisse due racconti: La leggenda del mare, un fantasy ante litteram ed Estrema umanità, una soria di fantascienza che il 24 dicembre 1922 fu pubblicata sulla rivista La Settimana Letteraria (Anno I N. 2);[1] entrambi furono riproposti su Nova SF* del dicembre 1985.[3]

A partire dagli anni anni sessanta altri suoi racconti apparvero in riviste di fantascienza come Galassia, Nova SF* e Oltre il cielo.[3]

Il racconto Stratagemma temporale venne anche tradotto in rumeno nel 1973 ed incluso nell'antologia Fantascienza. Povestiri italiene curata da Gianfranco de Turris e Ion Hobana.[4]

Contribuì anche alla nascita del fandom italiano partecipando a incontri come quello di Carrara del 1962,[1] prese parte a un incontro internazionale con membri della Los Angeles Science Fantasy Society.[5]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • La leggenda del mare, 1922; rist. 1985
  • Estrema umanità, 1922; rist. 1985
  • Primo-Solvang, appendice in Galassia n. 41, 1964
  • Gli specchi, appendice in Galassia n. 56, 1965
  • Il teatro di Etar, appendice in Galassia n. 106, 1969
  • Stratagemma temporale, in Oltre il cielo: missili e razzi, nº 152, Roma, Gruppo edizioni Esse, ottobre 1969, pp. 165-167.
    • tradotto in (RO) Stratagemă temporală, in Fantascienza. Povestiri italiene, 1973.
  • La seconda semina, in Il Subbio: arte e letteratura SF, 1972
  • Il cane marziano, in Nova SF* VIII n. 28, 1974
  • Vrl, in Fantascienza in Italia speciale Nova SF*, 1976
  • Il gatto, in Mostri, e altri fratelli, Nova SF*, Anno I (nuova serie), nº 4, Bologna, Perseo Libri S.r.l., dicembre 1985, pp. 201-203.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Malaguti, 1985.
  2. ^ Gian Filippo Pizzo, Le italiane e la fantascienza, in Sf..ere, nº 23, 1982..
  3. ^ a b Catalogo Vegetti.
  4. ^ ISFDB.
  5. ^ (EN) Wolf von Witting, "The Counter Clock Award - Per contributi significativi a Fandom europeo SF" (PDF), su efanzines.com, pp. 10-12. URL consultato il 24 agosto 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Fiera letteraria, Società italiana pubblicità per azioni, 1974, p. 269.
  • Gianni Pilo, Catalogo generale della fantascienza in Italia, 1930-1979, Fanucci, 1980, p. 226.
  • Ugo Malaguti, I nostri pionieri Carla Parisi Bastogi, in Mostri, e altri fratelli, Nova SF*, Anno I (nuova serie), nº 4, Bologna, Perseo Libri Srl, dicembre 1985, pp. 188-190.
  • Carla Parisi Bastogi tra fantascienza e fantasy, in Fantascienza in Italia: 1976 (presentazione del racconto), Nova SF*, Anno X, 1 speciale, supplemento al n. 34, Bologna, Libra Editrice, giugno 1976, pp. 139-140.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]