Candido Amantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eraldo Ulisse "Candido dell'Immacolata" Amantini (Bagnolo, 31 gennaio 1914Roma, 22 settembre 1992) è stato un presbitero, teologo ed esorcista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eraldo Ulisse Amantini nacque a Bagnolo sul Monte Amiata, in provincia di Grosseto, secondo di quattro figli da Giovanni Battista Amantini e Diolinda Fratini.[1]

Il 26 ottobre 1926, all'età di dodici anni, entrò in seminario presso i padri passionisti a Nettuno,[1] per poi essere trasferito quattro anni dopo presso il Convento della Presentazione al Tempio sul Monte Argentario, casa madre dei passionisti.[1] Il 23 ottobre 1929 ricevette l'abito talare e gli fu dato il nome di Candido dell'Immacolata.[1] Dopodiché fu trasferito prima a Tavarnuzze e successivamente a Vinchiana-Ponte a Moriano (Lucca), dove completò gli studi in filosofia e teologia.[1] Nel 1936, a Roma presso la Scala Santa, si laureò in Teologia all'Università Pontificia Angelicum.[1] Fu ordinato sacerdote a Roma il 13 marzo 1937.[1]

Nel 1941, presso l'Istituto Biblico Pontificio, ottenne la laurea in Sacre Scritture e studiò il greco, l'ebraico, il tedesco e il sanscrito. Dal 1941 al 1945 insegnò l'ebraico e le Sacre Scritture a Vinchiana e a Vetralla, per poi ritornare a Roma per insegnare in seminario, e infine, dal 1947 al 1960, alla basilica dei Santi Giovanni e Paolo.[1] Un grave malore lo porterà nel maggio del 1961 ad interrompere l'attività di insegnante.[1]

Candido Amantini iniziò ad occuparsi di esorcismo con Alessandro Coletti, esorcista della diocesi di Arezzo e già suo allievo in seminario, con il quale effettuò il suo primo esorcismo.[1] Dal 1961 fino al giorno della propria morte praticò esorcismi presso la diocesi di Roma.[1] Ebbe modo di conoscere san Pio da Pietrelcina, il quale disse di lui: «È un sacerdote secondo il cuore di Dio»[2]. Padre Gabriele Amorth fu suo allievo su insistenza del cardinale Ugo Poletti dal giugno 1986, sostituendolo come primo esorcista al momento della morte.[3][4][5]

Il 22 settembre 1992, giorno della ricorrenza del martirio di san Candido di Sion-en-Valais, morì dopo una lunga malattia.[1] Fu sepolto al cimitero del Verano e proclamato servo di Dio. Il 21 marzo 2012 le sue spoglie furono spostate presso la cappella del Crocifisso alla Scala Santa.[1] Attualmente è in corso il processo di beatificazione, iniziato il 13 luglio 2012[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il mistero di Maria (1971)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Candido Amantini. Cenni biografici (1914-1992), su Santuario della Scala Santa. URL consultato il 24 settembre 2015.
  2. ^ Parte la causa per padre Candido Amantini, RomaSette, 16-07-2012. URL consultato il 05-12-2012.
  3. ^ Gabriele Amorth e Paolo Rodari, Il segno dell'esorcista. Le mie battaglie contro Satana, Segrate, Piemme, 2014.
  4. ^ Gabriele Amorth e Marco Tosatti, Memorie di un esorcista. La mia vita in lotta contro Satana, Segrate, Piemme, 2013.
  5. ^ Gabriele Amorth e Marco Tosatti, Inchiesta sul demonio, Segrate, Piemme, 2012.
  6. ^ L'uomo dei miracoli di Santa Fiora. Padre Candido "l’esorcista" sarà Beato, Il Tirreno, 19-07-2012. URL consultato il 05-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90332099 · SBN: IT\ICCU\SBLV\153648