Brassica fruticulosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Brassica fruticulosa
Infiorescenza di brassica fruticolosa.JPG
Infiorescenza di Brassica fruticulosa
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Brassica
Specie B. fruticulosa
Classificazione APG
Ordine Brassicales
Famiglia Brassicaceae
Nomenclatura binomiale
Brassica fruticulosa
Cirillo, 1792
Nomi comuni

cavolicelli

Il cavolo arbustivo (Brassica fruticulosa Cirillo, 1792), detto popolarmente cavolicello, è una pianta annuale della famiglia delle Brassicaceae o Crocifere.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Giovane pianta di Brassica fruticulosa in piena terra

Così è descritta da Michele Tenore nella Flora medica universale, e flora particolare della Provincia di Napoli, Napoli, 1823:

«Cavolo suffruticoso. Ital. Brassica fruticulosa. Lat. Chou frutescente. Fr. Fusto inferiormente diviso in molti rami legnosetti tortuosi nudi; foglie in cima ai rami lirate sinuoso-dentate ispide, scabrose di color verde-glauco spesso rosse di sotto; fiori in cima de' rami teneri in corti racemi; corolla con petali ovati gialli; siliqua lunga circa un pollice, terete quasi articolata perché rigonfiata ne' luoghi che corrispondono alle semenze, collo stilo lesiniforme.»

La pianta in natura raggiunge l'altezza di cinquanta centimetri, o poco oltre, in terreni particolarmente fertili e con esemplari isolati. Se crescono in gruppo, o in terreni poveri, gli esemplari sono generalmente più bassi. I fiori sono piccoli e gialli, regolari e dialipetali, e compaiono sulle cime delle piante alla fine dell'inverno-inizio primavera, sebbene il periodo di fioritura possa essere eccezionalmente prolungato fino all'estate.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa pianta è diffusa nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo centro-occidentale. In Italia cresce allo stato selvatico in alcune aree dell'Italia centro-meridionale e particolarmente in Sicilia, specialmente nella zona dell'Etna e in Sicilia occidentale, come pure nelle isole Eolie.

Predilige i terreni silicei. È raccolta da sempre in zone rurali, soprattutto nei vigneti, ma anche nei terreni incolti delle periferie urbane, da metà settembre a inizio maggio.

Uso in cucina[modifica | modifica wikitesto]

Cavolicello colto sulle pendici dell'Etna nel mese di gennaio. Tra le foglie, si notano i caratteristici fiori gialli a grappolo.

Il cavolicello si consuma cotto; si può semplicemente lessare e condire con olio, oppure ripassare in padella con aglio e peperoncino o ancora stufato con il vino. È di sapore gradevolmente amaro, spiccato. In Sicilia, dove è noto anche come cavuliceddu, cauriciellu, caliceddu o qualeddu nel Trapanese, è usato spesso come contorno per la salsiccia alla brace.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brassica fruticulosa, in The Plant List. URL consultato il 23 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arcidiacono S., Andar per erbe selvatiche. In "La Sicilia", Catania, 15. 10. 1992
  • Arcidiacono S., Verdure senza padrone: guida ragionata, 1992.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica