Boscaglia e macchia di Acacia-Commiphora meridionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Boscaglia e macchia di Acacia-Commiphora meridionale
Southern Acacia-Commiphora bushlands and thickets
Tarangire-Natpark800600.jpg
Ecozona Afrotropicale (AT)
Bioma Praterie, savane e macchie tropicali e subtropicali
Codice WWF AT0716
Superficie 227 800 km2
Conservazione Vulnerabile
Stati Kenya Kenya, Tanzania Tanzania
AT0716 map.png
Mappa dell'ecoregione
Scheda WWF

La boscaglia e macchia di Acacia-Commiphora meridionale è un'ecoregione dell'ecozona afrotropicale, definita dal WWF (codice ecoregione: AT0716), che si estende attraverso l'Africa orientale, tra Tanzania e Kenya[1]. Questa ecoregione forma parte della regione denominata savane di acacia dell'Africa orientale, inclusa nella lista Global 200[2].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

È un'ecoregione di savana che occupa una superficie di 227.800 km² nel nord e nel centro della Tanzania e nel sud-ovest del Kenya. È divisa in due dalle praterie vulcaniche del Serengeti[1].

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione dominante è la savana arbustiva, nella quale le specie più rappresentative appartengono ai generi Acacia, Commiphora e Crotalaria[1].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La concentrazione di grandi mammiferi è straordinaria. L'ecoregione è lo scenario della migrazione annuale di oltre un milione di gnu striati (Connochaetes taurinus), 400.000 gazzelle di Thomson (Eudorcas thomsonii) e 200.000 zebre comuni (Equus quagga). Di conseguenza, anche la popolazione di grandi predatori è elevata: si incontrano, tra gli altri, iene maculate (Crocuta crocuta), leoni (Panthera leo), leopardi (Panthera pardus), ghepardi (Acinonyx jubatus) e licaoni (Lycaon pictus). Si conoscono tre specie di rettili endemici: il serpente velenoso Amblyodipsas dimidiata e gli anfisbenidi Geocalamus acutus e Geocalamus modestus[1].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ecoregione è considerata vulnerabile: le principali minacce sono il bracconaggio e l'espansione di agricoltura e allevamento. Il 20% dell'ecoregione è protetto. In Kenya si trovano la riserva nazionale del Masai Mara, il parco nazionale di Ruma e il parco nazionale di Ndere Island; in Tanzania la riserva di caccia di Maswa, il parco nazionale di Mkomazi, il parco nazionale del Serengeti, il parco nazionale di Tarangire, il parco nazionale di Ruaha e l'area di conservazione di Ngorongoro[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Southern Acacia-Commiphora bushlands and thickets, in Terrestrial Ecoregions, World Wildlife Fund. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  2. ^ East African Acacia Savannas - A Global Ecoregion, World Wide Fund For Nature. URL consultato il 14 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]