Bombus hortorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bombo degli orti
Tuinhommel Koningin op braam closeup.jpg
Bombus hortorum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Apoidea
Famiglia Apidae
Sottofamiglia Apinae
Tribù Bombini
Genere Bombus
Sottogenere Megabombus
Specie B. hortorum
Nomenclatura binomiale
Bombus hortorum
(Linnaeus, 1761)

Il bombo degli orti (Bombus hortorum Linnaeus, 1761) è un insetto imenottero della famiglia delle Apidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tuinhommel op vingerhoedskruid closeup(1).jpg

È un bombo di notevoli dimensioni: la regina raggiunge lunghezze di 17-20 mm con una apertura alare di 35-38 mm; le operaie e i maschi sono leggermente più piccoli; i maschi sono privi di pungiglione. La loro livrea è nera con una banda gialla tra capo e torace, una stretta banda gialla sullo scutello, e una terza banda gialla su primo e secondo tergite; la coda è bianca. Possiede una lingua molto lunga, oltre 15 mm, con la quale raccoglie il nettare.[1]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Sono insetti sociali che formano colonie di alcune decine di esemplari, suddivisi in tre "caste": una regina (la femmina riproduttiva), le operaie (femmine non riproduttive) e i maschi.

È l'insetto impollinatore di numerose specie floresli tra cui l'orchidea Barlia robertiana, una specie non nettarifera che però ospita numerose colonie dell'afide Dysaphis tulipae, la cui melata funge da attrattiva per il bombo [2].

I nidi di B. hortorum sono spesso parassitati da Bombus barbutellus che vi depone le proprie uova[1].

Altri parassiti sono le larve di Physocephala rufipes e Sicus ferrugineus (Diptera: Conopidae)[senza fonte].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie ha un ampio areale che abbraccia l'ecozona paleartica[3]; è stato introdotto in Nuova Zelanda e in Florida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Bombus hortorum - The Garden bumblebee su Bumblebee.org. URL consultato il 15 maggio 2015.
  2. ^ D'Emerico S., Di Palma A., Medagli P., Porcelli F, La complessità dell'impollinazione delle orchidee in Puglia in Atti del Convegno: La Flora e la vegetazione spontanea della Puglia nella scienza, nell'arte e nella storia. Bari, 22-23 maggio 1993.
  3. ^ (EN) Bombus hortorum su Natural History Museum of London Website.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi