Boidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Boidae
Boa constrictor (2).jpg
Boa constrictor
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Superfamiglia Henophidia
Famiglia Boidae

Gray, 1825

Sottofamiglie

I Boidi (Boidae Gray, 1825) sono una famiglia di serpenti diffusa in tutto il mondo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tipici ofidi, i boidi ne presentano tutte le caratteristiche strutturali.

Le dimensioni dei boidi variano da un minimo di 60 cm ad un massimo di 9 metri (nel caso dell'anaconda).[senza fonte]

A questa famiglia appartenne il Titanoboa cerrejonensis, oggi estinto, che con i suoi 13 metri di lunghezza fu il più grande serpente mai esistito.[1]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare di Eunectes notaeus

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutrono di roditori e altri piccoli mammiferi. I boidi ingoiano la preda che viene precedentemente stretta e soffocata dalle spire. La digestione può durare, talvolta, anche una decina di giorni, periodo nel quale vengono rimesse parti del corpo quali peli, unghie e corna.

Caratteristica dei boidi è quella (grazie a particolari terminazioni nervose) di riuscire ad individuare fonti di calore, anche quelle emesse dal corpo di un roditore o da un uccello vivo, facilitando la sua caccia.[senza fonte]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

I boidi sono ovovivipari, il numero delle uova cambia di numero a seconda della specie, in quelle più grandi si registra il numero maggiore.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Diffusi nell'America centrale e meridionale, dove vive la maggioranza di essi, altre specie si ritrovano nell'Europa, nell'Africa e nell'Asia. L'unica specie della famiglia presente in Italia è Eryx jaculus, recentemente segnalata nel territorio di Licata, sulla costa meridionale della Sicilia.[2].

Si adattano ad habitat differenti: vi sono alcune specie che prediligono le foreste pluviali altre le regioni desertiche o subdesertiche.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende 59 specie, raggruppate in 14 generi e 7 sottofamiglie:[3]

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scientists find world's biggest snake in Nature del 4 febbraio 2009
  2. ^ (EN) Insacco G., Spadola F., Russotto S. e Scaravelli D., Eryx jaculus (Linnaeus, 1758): a new species for the Italian herpetofauna (Squamata: Erycidae), in Acta Herpetologica, vol. 10, nº 2, Firenze, Firenze University Press, 2015, pp. : 149-153, DOI:http://dx.doi.org/10.13128/Acta_Herpetol-17170, ISSN 1827-9635. URL consultato il 02/01/2016.
  3. ^ (EN) Family: Boidae, in The Reptile Database. URL consultato il 25 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili