Titanoboa cerrejonensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Titanoboa
Titanoboa NT.jpg
Ricostruzione di Titanoboa cerrejonensis
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Infraordine Henophidia
Superfamiglia Booidea
Famiglia Boidae
Sottofamiglia Boinae
Genere Titanoboa
Head et al., 2009
Specie T. cerrejonensis
Nomenclatura binomiale
Titanoboa cerrejonensis
Head et al., 2009
Riproduzione di un Titanoboa allo Smithsonian Natural History Museum

Il Titanoboa (Titanoboa cerrejonensis Head et al., 2009)[1] è un genere estinto di serpente vissuto in America Meridionale circa 60 milioni di anni fa, nel Paleocene, il periodo immediatamente successivo all'estinzione di massa del Cretaceo-Paleocene. L'unica specie conosciuta è Titanoboa cerrejonensis[2], il serpente più lungo, largo e pesante mai scoperto, che ha soppiantato il precedente detentore del record, il gigantofide. La scoperta è stata annunciata il 4 febbraio 2009 sulla rivista Nature.[3]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Esaminando i resti fossili, i ricercatori hanno stimato che gli individui più grandi di T. cerrejonensis potessero arrivare fino a 15 metri di lunghezza per un peso superiore a 1.100 kg[4], con un diametro di circa 1 metro (3 piedi)[5]. Secondo alcune stime il Titanoboa poteva raggiungere anche le 250 vertebre[6].

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 sono stati scoperti resti di 28 individui per la maggior parte adulti di T. cerrejonensis nella miniera di carbone di Cerrejón, una delle più grandi miniere di carbone a cielo aperto del mondo, nel Dipartimento di La Guajira in Colombia.[7] La squadra che ha fatto la scoperta era guidata da Jonathan Bloch, un paleontologo dell'Università della Florida e da Carlos Jaramillo, paleobotanico del Smithsonian Tropical Research Institute di Panama.[8]

Molto probabilmente il T. cerrejonensis passava la maggior parte della sua vita in acqua, sia per le sue grandi dimensioni che avrebbero reso difficicile se non impossibile vivere stabilmente sulla terraferma, sia perché nella zona sono stati ritrovati i resti fossilizzati di specie acquatiche come mangrovie, coccodrilli, pesci e tartarughe.[6]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Poiché i serpenti sono animali ectotermici, la scoperta dei T. cerrejonensis in queste zone implica che il loro habitat fosse più caldo di quanto si pensava precedentemente, circa 30 °C di temperatura media annua.[9] Il clima più caldo ha permesso al T. cerrejonensis, e in genere agli animali a sangue freddo, di evolversi in modo tale da avere dimensioni maggiori di quelle dei serpenti odierni.[8]

Altri ricercatori sono in disaccordo con le stime climatiche di cui sopra. Ad esempio, uno studio del 2009 pubblicato sulla rivista Nature, applicando i modelli matematici usati negli studi precedentemente citati ad alcuni fossili di antiche lucertole australiane, ha predetto che le lucertole oggi viventi in climi tropicali dovrebbero essere capaci di raggiungere lunghezze di 10 metri, una stima chiaramente inverosimile.[10]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Titanoboa non era velenoso e non usava i denti: per uccidere le sue prede gli bastava schiacciarle e stritolarle, come l'attuale boa (Boa constrictor). Si nutriva di pesci e tartarughe o di altri invertebrati, ma un Titanoboa adulto poteva permettersi di cibarsi anche di animali come i coccodrilli, che poteva intrappolare senza difficoltà: esso infatti, come i serpenti dei nostri giorni, era capace di dislocare le fauci per ingoiare facilmente prede più grandi della sua testa. Secondo alcuni studiosi in certe occasioni si sarebbe potuto nutrire anche di altri serpenti, ma i paleontologi sono scettici riguardo questa tesi[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) J. J. Head, J. I. Bloch, A. K. Hastings, J. R. Bourque, E. A. Cadena, F. A. Herrera, P. D. Polly and C. A. Jaramillo, Giant boid snake from the Paleocene neotropics reveals hotter past equatorial temperatures (abstract), in Nature, vol. 457, 2009, pp. 715-717.
  2. ^ Titanoboa cerrejonensis, in Paleobiology Database. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) Scientists find world's biggest snake in Nature del 4 febbraio 2009.
  4. ^ (EN) Giant boid snake from the Palaeocene neotropics reveals hotter past equatorial temperatures in Nature del 5 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Cornell University B. S., Titanoboa Was a 50-Foot-Long, 2,000-Pound Giant Prehistoric Snake, su ThoughtCo. URL consultato il 25 maggio 2021.
  6. ^ a b (EN) Titanoboa | fossil reptile, su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 25 maggio 2021.
  7. ^ Thomas H. Maugh II, Fossil of 43-foot super snake Titanoboa found in Colombia, Los Angeles Times, 4 febbraio 2009. URL consultato il 4 febbraio 2009.
  8. ^ a b At 2,500 Pounds And 43 Feet, Prehistoric Snake Is Largest On Record, Science Daily, 4 febbraio 2009. URL consultato il 4 febbraio 2009.
  9. ^ (EN) Christopher Joyce, Ton Snakes Once Slithered In The Tropics, su npr.org.
  10. ^ (EN) J. M. K. Sniderman, Biased reptilian palaeothermometer?, in Nature, vol. 460, n. 7255, 2009, p. E1. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  11. ^ (EN) Titanoboa, su Dinopedia. URL consultato il 25 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]