Bob Woodward

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bob Woodward (2007)

Robert "Bob" Upshur Woodward (Geneva, 26 marzo 1943) è un giornalista statunitense, una delle firme di punta del Washington Post, importante quotidiano statunitense a diffusione nazionale.

Ha vinto pressoché ogni premio giornalistico statunitense e, pur non vincendolo mai individualmente, ha contribuito a far assegnare al Washington Post due Premi Pulitzer: nel 1973, con l'inchiesta scritta insieme a Carl Bernstein sullo scandalo Watergate (Premio Pulitzer per il Pubblico Servizio del 1973), e nel 2001, da principale reporter per il Washington Post durante gli attacchi dell'11 settembre del 2001 (Premio Pulitzer per l'Inchiesta Nazionale del 2002).

È autore o coautore di ben nove saggi, tutti diventati best-seller. Tra questi il libro Tutti gli uomini del presidente, scritto insieme a Carl Bernstein, e riguardante la loro inchiesta sul caso Watergate. Ad esso si ispira il film omonimo diretto da Alan J. Pakula, in cui il suo personaggio è interpretato da Robert Redford.

Bob Woodward con Brian Duffy scrisse che un'inchiesta del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulle attività di finanziamento aveva scoperto che alcuni agenti del governo cinese avrebbero tentato di dirigere alcuni contributi provenienti dall'estero verso il comitato elettorale democratico prima delle elezioni del 1996 (Chinagate).

Nel 2008 a seguito di una crisi aziendale al Post, Woodward a 65 anni, con la qualifica di "assistente direttore" viene pensionato dal suo giornale, su cui tuttavia non scriveva più da tempo, preferendo dedicarsi ai libri d'inchiesta. Fa parte di questa sua produzione Wired (Chi tocca muore, 1984), dossier dettagliato e preciso sugli ultimi anni di vita del comico statunitense John Belushi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN2478438 · ISNI: (EN0000 0001 0862 4844 · LCCN: (ENn50000111 · GND: (DE124455921 · BNF: (FRcb119293964 (data)