Blanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Blanus
Iberian worm lizard.jpg
Blanus cinereus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Amphisbaenia
Famiglia Blanidae
Kearney, 2003
Genere Blanus
Wagler, 1830
Specie

Blanus Wagler, 1830 è un genere di rettili del sottordine Amphisbaenia. È l'unico genere della famiglia Blanidae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Al pari delle altre anfisbene hanno aspetto vermiforme e sono privi di arti. Il corpo è ricoperto da squame anulari. Il cranio è rigido e compatto e viene utilizzato per perforare il terreno.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Il genere era in precedenza incluso nella famiglia Amphisbaenidae. Recenti studi ne hanno suggerito la segregazione in una famiglia a sé stante, filogeneticamente prossima alla famiglia Bipedidae[3][4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le specie del genere sono presenti in Nord Africa (Algeria e Marocco), nella penisola iberica (Spagna e Portogallo), in Grecia, in Asia minore, e in Medio Oriente (Iraq e Siria).[1]

In passato la diffusione del genere in Europa era più estesa di quella attuale come testimoniato da una serie di reperti fossili[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Family: Blanidae, in The Reptile Database. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  2. ^ (EN) Amphisbaenia, su Vertebrate Diversity. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) Vidal N., Azvolinsky A., Cruaud C., Hedges S.B., Origin of tropical American burrowing reptiles by transatlantic rafting, in Biology Letters, vol. 4, nº 1, 2007, pp. 115–118, DOI:10.1098/rsbl.2007.0531.
  4. ^ (EN) Kearney M., Stuart B.L., Repeated evolution of limblessness and digging heads in worm lizards revealed by DNA from old bones, in Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, vol. 271, nº 1549, 2004, pp. 1677–1683, DOI:10.1098/rspb.2004.2771.
  5. ^ (EN) Augé M.L., Amphisbaenians from the European Eocene: A biogeographical review, in Palaeobiodiversity and Palaeoenvironments, vol. 92, nº 4, 2012, pp. 425–443, DOI:10.1007/s12549-012-0104-6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Albert E.M, Zardoya R, García-París M., Phylogeographical and speciation patterns in subterranean lizards of the genus Blanus (Amphisbaenia: Blanidae), in Mol. Ecol., vol. 16, 2007, pp. 1519–1531, DOI:10.1111/j.1365-294X.2007.03248.x.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili