Blackstar (serie animata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blackstar
serie TV cartone
Titolo orig. Blackstar
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Char. design Kevin Frank, Mel Keefer, Tim Gula, Janice Stocks
Musiche Yvette Blais, Jeff Michael
Studio Filmation
Rete CBS
1ª TV 12 settembre 1981 – 5 dicembre 1981
Episodi 13 (completa)
Durata 30
Durata ep. 30
Rete it. Rai 2 dal 2001, Televisioni locali, Cooltoon
Episodi it. 13 (completa)
Durata ep. it. 26'
Studio dopp. it. Rolfilm
Dir. dopp. it. Danilo Bruni
Genere fantasy

Blackstar è una serie televisiva a cartoni animati prodotta nel 1981 dalla Filmation composta da 13 episodi.

Sinossi[modifica | modifica wikitesto]

La serie appartiene ai generi fantasy eroico e fantascientifico, andò in onda appena un anno dopo il successo di Thundarr il Barbaro, datato 1980, ma senza replicarne gli effetti.

L'animazione di questa serie rispecchia in pieno lo stile dell'azienda, fatta eccezione per l'assenza di un epilogo moralistico. Non riscuotendo il successo sperato, la serie non venne proseguita; successivamente però venne il travolgente successo di He-Man e i dominatori dell'universo, della quale Blackstar sembra quasi una prova generale o un precursore, viste le numerose analogie, e venne replicata abbinata ad una serie di pupazzi, ma il rilancio non ne cambiò le sorti.

Il personaggio di John Blackstar fu creato ispirandosi alle etnie tipiche dei nativi americani, ma senza troppa convinzione, così da non essere immediatamente riconoscibile per tale. Blackstar viene ancora oggi affettuosamente chiamato dai MOTU-fan lo "sfortunato cugino di He-Man".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

John Blackstar, uno sfortunato astronauta terrestre precipita nel barbarico mondo di Sagar. Soccorso dai nanetti Trobbits si unisce alla loro lotta contro il crudele Overlord, intenzionato a conquistare il potere assoluto. Costui intende incrementare il suo già grande potere conquistando la possente Stella del Potere, un potente artefatto magico. Questa potente spada incantata si è però divisa longitudinalmente in due spade: la Spada del Potere e la Spada Stellare; e mentre la Spada del Potere è finita in mano a Overlord, la Spada Stellare viene brandita da Blackstar, che insieme ai suoi amici Trobbits, alla strega Mara e al mutaforma Clone, lottano per la libertà.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Blackstar: Alto, dalla carnagione olivastra e dalla corporatura muscolosa, Blackstar è un eroe dal cuore puro, che combatte per difendere i Trobbits dalle angherie del malvagio Overlord; in combattimento usa la Spada Stellare, parte di un antico manufatto alieno.

Warlock: è la fedele cavalcatura di Blackstar, un drago verde alato dalle dimensioni di un cavallo, dal carattere estremamente docile e che non si separa mai dal suo padrone.

Mara: molto simile ad un elfo, Mara è una strega molto potente: è in grado di esercitare ogni forma di magia, dalla telecinesi all'ipnosi; protettrice degli Trobbits, è una fedele alleata ed amica di Blackstar, di cui sembra innamorata.

Trobbits: piccoli esseri simili a nani, dalla pelle rosa scuro e dai capelli bianchi, i Trobbits sono i pacifici abitanti dell'albero di Sagar, un'enorme sequoia sui cui giganteschi rami hanno edificato la propria dimora. Il loro capo è Balkar, il più anziano di loro, dotato di folti baffi, di poteri magici e profonda conoscenza della storia di Sagar. Gli altri Trobbits sono Rif (dotato di naso e mento affilati, una barbetta ed un cappello magico che ha sempre una fiammella accesa), i gemelli Terra e Carpo (quest'ultimo, a differenza del fratello, possiede dei denti da roditore in grado di rosicchiare anche il legno), Burble (molto simile a Balkar ma più giovane, con la barba e particolarmente pauroso) , Gossamer (dotato di due orecchie enormi con le quali è in grado di volare) e Poulo (il più giovane dei Trobbits, che è in grado di esprimersi solo fischiando).

Clone: della stessa razza di Mara, da cui non si separa mai (non è chiaro se esista una parentela tra loro), Clone è un individuo estremamente taciturno e tranquillo; all'occorrenza è in grado di trasformarsi in qualsiasi creatura del suo pianeta: solitamente usa il suo potere per combattere al fianco di Blackstar e di Mara o per difendere i Trobbits.

Overlord: malvagio guerriero assetato di potere, è votato alla distruzione dell'albero di Sagar, alla conquista del pianeta e soprattutto a mettere le mani sulla Spada del Potere di Blackstar, la quale altro non è che la parte mancante della sua arma, la Spada Stellare: colui che riuscisse a riunificare le due parti otterrebbe la Stella del Potere, l'arma più potente dell'universo. Per ottenere tutto ciò, lo spietato Overlord non esita a mettere in pratica ogni genere di piano.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio "Search for the Starsword" fu il primo scritto e trasmesso, ma il secondo prodotto.

Titolo Prima TV Stati Uniti Stati Uniti
1 Alla ricerca della spada stellare (Search for the Starsword) 12 settembre 1981
2 La città degli antichi (City of the Ancient Ones) 19 settembre 1981
3 Il signore del tempo (The Lord of Time) 26 settembre 1981
4 Il popolo delle sirene (The Mermaid of the Serpent Sea) 3 ottobre 1981
5 La prova (The Quest) 10 ottobre 1981
6 Dispersa nello spazio (Spacewrecked) 17 ottobre 1981
7 La splendente città sulla nuvola (Lightning City of the Clouds) 24 ottobre 1981
8 Il regno di Neptul (Kingdom of Neptul) 31 ottobre 1981
9 L'albero del male (Tree of Evil) 7 novembre 1981
10 Le balene volanti di Anchar (The Air Whales of Anchar) 14 novembre 1981
11 Il grande incantesimo di Overlord (The Overlord's Big Spell) 21 novembre 1981
12 La corona della maga (The Crown of the Sorceress) 28 novembre 1981
13 Il signore degli zombie (The Zombie Masters) 5 dicembre 1981

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione