Bireme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffigurazione di una bireme su un vaso greco.

Una bireme è un tipo di imbarcazione a vela e a remi, diffusa principalmente nell'età classica: si trattava di un'imbarcazione, prevalentemente destinata a usi militari, con la particolarità di avere una doppia fila di remi su ogni fiancata, da cui deriva il nome.

Un bassorilievo assiro del 700-692 a.C. raffigurante una antica bireme.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La bireme era un'imbarcazione a scafo sottile e snello, generalmente lungo circa 50 metri, e dotata di un unico albero a vela singola e rettangolare; ogni fiancata aveva due file di remi (in totale 50, 25 per lato), manovrati da rematori che sedevano tutti sullo stesso ponte[1].

La bireme era una diretta evoluzione della pentecontera, nave dotata di un'unica fila di rematori per fiancata, e a sua volta evolvette poi nella trireme, dove le file di rematori erano tre per lato[2]. Probabilmente inventata dai Fenici e raffigurata per la prima volta su alcuni bassorilievi assiri dell'VIII secolo a.C.[3], la bireme fu utilizzata come unità militare fino alla fine dell'età romana e nel corso della prima età bizantina[1]; dalla bireme evolvettero poi altri tipi di imbarcazioni usati nel periodo medioevale, come il dromone e la galea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Riccardo Busetto, Dizionario militare, Zanichelli, 2004, p. 131. ISBN 88-08-08937-1
  2. ^ George Rawlinson, The five great monarchies of the ancient eastern world; or, the history, geography, and antiquities of Chaldaea, Assyria, Babylon, Media, and Persia, collected and illustrated from ancient and modern sources, John Murray, 1867, p. 143.
  3. ^ Lionel Casson, Ships and Seamanship in the Ancient World, The Johns Hopkins University Press, 1995, pp. 57–58. ISBN 978-0-8018-5130-8.