Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bevanda d'orzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una bevanda d'orzo è una bevanda prodotta a partire dall'orzo, generalmente essiccato o tostato, e che si può distinguere tra infusi d'orzo e surrogati d'orzo (orzo solubile); il secondo è molto più bevuto in Italia.

Orzo solubile[modifica | modifica wikitesto]

L'orzo solubile (chiamato anche semplicemente orzo) è un surrogato del caffè senza caffeina, derivato appunto dall'orzo tostato[1]. Fu ampiamente usato in passato quando non per tutti era economicamente accessibile il caffè, e in particolar modo quando questo divenne sempre più raro tra il 1936 ed il 1945 a causa dell'embargo imposto dalla Società delle Nazioni in seguito alla Guerra d'Etiopia.

Almeno nella versione italiana, esso ha colore molto simile al caffè di cui è surrogato; a seconda del tipo di lavorazione della polvere può essere semplicemente sciolto in acqua calda, preparato con la moka o come un caffè turco.

Non essendoci oggi la necessità di usufruire di un caffè surrogato, la principale attrattiva di questa bevanda è il fatto che non contiene caffeina, per cui può essere consumata anche da chi ha bisogno di limitare l'assunzione di questa sostanza, mantenendo la vaga impressione di bere del caffè vero e proprio. Il cereale possiede inoltre alcune caratteristiche salutari: svolge ad esempio una funzione antinfiammatoria[2].

Infusi d'orzo e la "tisana d'Ippocrate"[modifica | modifica wikitesto]

Mugicha giapponese

Quando l'orzo viene preparato per infusione (spesso col metodo della decozione dell'orzo), si ottiene una bevanda dal colore più simile al che al caffè. Questa bevanda è conosciuta fin dall'antichità, tanto che viene chiamata la "tisana d'Ippocrate"[2], che lodò le proprietà di questo cereale.

In Giappone quest'infuso è chiamato mugicha (麦茶), e generalmente è consumata in tutto l'estremo oriente, soprattutto in Corea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caffè d'orzo, su cibo360.it. URL consultato il 24 agosto 2015.
  2. ^ a b Orzo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]