Bernard Germain de Lacépède

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bernard Germain Étienne de Laville-sur-Illon, conte di Lacépède

Bernard Germain de Lacépède (nome completo Bernard Germain Étienne de Laville-sur-Illon, conte di Lacépède) (Agen, 26 dicembre 1756Épinay-sur-Seine, 6 ottobre 1825) è stato uno zoologo e politico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lacépède comincia la sua carriera politica come deputato di Parigi all'Assemblea nazionale lagislativa durante la Rivoluzione francese (1791-1792). Ne sarà il vicepresidente il 17 novembre 1791, poi il presidente dal 28 novembre al 9 dicembre 1791. Sfuggito al Terrore, ritorna a Parigi dopo la caduta di Robespierre il 9 termidoro dell'anno II. Dopo il 18 brumaio è designato come membro del Senato conservatore a partire dalla sua creazione, il 29 dicembre 1799, e l'indomani ne sarà nominato segretario.

Il 14 agosto 1803 diventa il primo Gran Cancelliere dell'Ordine della Legion d'Onore, carica che perderà il 6 aprile 1814, dopo la Restaurazione.

In seguito sarà a due riprese Presidente del Senato conservatore, dal 1º luglio 1807 al 1º luglio 1808 e dal 1º luglio 1811 al 1º luglio 1813.

Membro del Senato di Parigi, creato Pari di Francia una prima volta nel 1814, una seconda volta durante i Cento giorni, una terza volta nel 1819.

Massone, fu membro eminente del Grande Oriente di Francia[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

Bernard-Germain de Lacépède, David d'Angers (1824).
  • Essai sur l'électricité naturelle et artificielle (1781).
  • Physique générale et particulière (1782-1784).
  • Théorie des comètes, pour servir au système de l'électricité universelle (1784).
  • La poétique de la musique (1785).
  • Histoire naturelle des quadrupèdes ovipares et des serpens (1788-1789).
  • Vues sur l'enseignement public (1790).
  • Histoire naturelle des poissons (1797-1798).
  • Tableau des divisions, sous-divisions, ordres et genres des mammifères (1798).
  • La Ménagerie du Muséum national d'histoire naturelle (1801).
  • Histoire naturelle des cétacées (1809).
  • Ellival et Caroline (1816).
  • Charles d'Ellival et Alphonsine de Florentino (1817).
  • Vue générale des progrès de plusieurs branches des sciences naturelles, depuis la mort de Buffon... (1818)
  • Histoire générale, physique et civile de l'Europe, depuis les dernières années du V siècle jusque vers le milieu du XVIII (1826).
  • Histoire naturelle de l'homme, précédée de son éloge historique par M. le Baron G. Cuvier (1827).
Lacépède è l'abbreviazione standard utilizzata per le specie animali descritte da Bernard Germain de Lacépède.
Categoria:Taxa classificati da Bernard Germain de Lacépède

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Figure Blasonnement
Orn ext comte sénateur de l'Empire GCLH.svg
Blason Bernard Germain de La Ville-sur-Illon (1756-1825) Comte de Lacépède.svg
Bernard Germain de Lacépède
Conte e senatore dell'Impero francese

Inquartato. Al 1° da conte-senatore dell'impero francese; al 2° di rosso a tre barre d'oro, al capo d'azzurro a tre stelle d'oro; al 3° bandato d'azzurro e d'oro di sei pezzi alla bordura di rosso, al cantone franco d'argento; al 4° d'oro a una banda di rosso caricata di tre alerioni d'argento (Lorena); sul tutto, d'oro alla croce di rosso al capo di verde alla banda d'argento caricata di tre rose di rosso. Ornamenti esteriori da conte dell'impero francese.

Orn ext Comte (baron-pair) GCLH.svg
Blason Bernard Germain de La Ville-sur-Illon (1756-1825) pair de France.svg
Bernard Germain de Lacépède
Conte de Lacépède
Barone e pari di Francia

Inquartato. Al 1° e al 4° d'oro a una banda di rosso caricata di tre alerioni d'argento (Lorena); il 1° corredato da un lambello d'azzurro. Al 2° all'aquila d'argento, beccata, coronata e rostrata d'oro; al 3° bandato d'azzurro e d'oro di sei pezzi alla bordura di rosso, al cantone franco d'argento. Ornamenti da conte e barone pari di Francia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22156296 · ISNI (EN0000 0001 0877 8050 · BAV 495/154801 · CERL cnp00403832 · LCCN (ENn86825908 · GND (DE11909813X · BNE (ESXX835172 (data) · BNF (FRcb12027512x (data) · J9U (ENHE987007271398005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n86825908