Bandiera di combattimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera di combattimento
Titolo originale The Eternal Sea
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1955
Durata 103 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1.66 : 1
Genere guerra, drammatico
Regia John H. Auer
Soggetto William Wister Haines
Sceneggiatura Allen Rivkin
Produttore John H. Auer
Casa di produzione Republic Pictures
Distribuzione (Italia) Republic (1955)
Fotografia John L. Russell
Montaggio Fred Allen
Effetti speciali Howard Lydecker, Theodore Lydecker
Musiche Elmer Bernstein
Scenografia Frank Hotaling (art director)
John McCarthy Jr., George Milo (set decorator)
Costumi Adele Palmer
Trucco Bob Mark
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Bandiera di combattimento (The Eternal Sea) è un film del 1955 diretto da John H. Auer.

È un film di guerra statunitense ambientato durante la seconda guerra mondiale con Sterling Hayden (che interpreta l'ammiraglio ed eroe statunitense realmente esistito John Madison Hoskins), Alexis Smith, Ben Cooper, Dean Jagger, Virginia Grey e Hayden Rorke.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da John H. Auer su una sceneggiatura di Allen Rivkin e un soggetto di William Wister Haines, fu prodotto dallo stesso Auer, come produttore associato,[1] per la Republic Pictures[2] e girato nei Republic Studios a Hollywood, Los Angeles, California,[3] dal 7 ottobre a fine ottobre 1954. Il titolo di lavorazione fu The Admiral Hoskins Story.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo The Eternal Sea negli Stati Uniti dal 5 maggio 1955[5] (première a Providence il 20 aprile[4]) al cinema dalla Republic Pictures.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Giappone il 29 maggio 1955
  • in Svezia il 19 settembre 1955 (Havet är mitt öde)
  • in Finlandia il 24 febbraio 1956 (Meri on kohtaloni)
  • in Belgio il 6 aprile 1956 (De eeuwige zee) (Pavillon de combat)
  • in Danimarca l'11 aprile 1956 (Jetfly F-84)
  • in Francia l'11 maggio 1956 (Pavillon de combat)
  • in Germania Ovest il 18 maggio 1956 (Unternehmen Pelikan)
  • in Portogallo il 6 giugno 1956 (O Gigante dos Mares)
  • in Austria nel marzo del1957 (Unternehmen Pelikan)
  • in Brasile (Gigante dos Mares)
  • in Spagna (Mar eterno)
  • in Grecia (Tha exormisoume tin avgi)
  • in Italia (Bandiera di combattimento)
  • nei Paesi Bassi (Alarm in de Pacific)

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini è un "modesto film di propaganda militare".[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, imdb.com. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, imdb.com. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  3. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese, imdb.com. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  4. ^ a b (EN) American Film Institute, afi.com. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni, imdb.com. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  6. ^ MYmovies, mymovies.it. URL consultato il 3 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema