Bad Sector

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bad Sector
Bad Sector, live al Cantiere Sanbernardo, Pisa
Bad Sector, live al Cantiere Sanbernardo, Pisa
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica elettronica
Electro-industrial
Dark ambient
Periodo di attività fine anni '80 – in attività
Etichetta Old Europa Cafe, Slaughter Productions, God Factory, Drone Records, Freedom From, Soffitta Macabra.
Sito web

Massimo Magrini, noto come Bad Sector (Lucca, 1966), è un musicista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia Scienze informatiche all'università di Pisa, dove si laurea con una tesi sul Paradigma object-oriented, studiando contemporaneamente musica elettronica con Alfonso Belfiore (professore al conservatorio di Firenze). Sempre nel periodo universitario inizia a suonare con la band post-punk toscana Jesus Blood, utilizzando sintetizzatori analogici e digitali autocostruiti.

In seguito collabora con il laboratorio di Informatica Musicale del CNUCE (Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico, uno degli istituti del CNR) sviluppando interfacce hardware e software. Alcune di queste sono la Aerial Painting Hand, un dispositivo sensibile ai movimenti delle mani del musicista attraverso guanti di due diversi colori e il UV-Stick, un bastone a luce ultravioletta che il musicista suona muovendolo davanti alla videocamera.[1]

Compone poi, sempre all'interno del CNUCE, musica interattiva che viene presentata dal vivo in Italia, Spagna, Grecia e Cuba. Contemporaneamente sviluppa software musicali per industrie private basati sul Digital signal processing.

Nel 1992 crea il suo progetto musicale con lo pseudonimo Bad Sector, che esplora sonorità oscure a cavallo tra ambient, experimental, noise e minimal.

Nel 2001 Massimo Magrini forma il progetto parallelo Olhon assieme a Zairo Nucciotti degli Where, pubblicando alcuni dischi di sperimentazione ibrida tra musica concreta ed elettronica, basati ad esempio su registrazioni effettuate sul fondale di alcuni laghi.[2] Nel 2002 assieme a Giacomo Verde crea il gruppo multimediale XEAR, gruppo a metà fra teatro e installazioni interattive.

Discografia[3][modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

7"[modifica | modifica wikitesto]

10"[modifica | modifica wikitesto]

Split[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tarabella, Leonello, Bertini, Graziano, Original gesture interfaces for live interactive multimedia performances
  2. ^ Olhon su Discogs, database discografico internazionale
  3. ^ Bad sector su Discogs

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica