B.Engineering

From Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
B.Engineering
StatoItalia Italia
Fondazione2000 a Campogalliano
Fondata daJean-Marc Borel
Sede principaleCampogalliano
SettoreAutomobilistico
Sito webwww.bengineering.it

La B.Engineering ossia Borel Engineering è un'azienda automobilistica fondata da Jean-Marc Borel che comprò una parte dello stabilimento di Campogalliano della Bugatti fondando una nuova società nel 2000.

Prodotti[edit | edit source]

B.Engineering Edonis[edit | edit source]

Il primo modello presentato si chiamava Edonis[1], basata sulla Bugatti EB110 Super Sport, ma era stata ampiamente rivista. L'unica cosa che conservava dall'originale Bugatti era il telaio in fibra di carbonio. Sia l'esterno che l'interno della vettura erano stati completamente rinnovati. Il motore da 3,5 litri della Bugatti venne aumentato a 3760 cm³ di cilindrata. Gli originali turbocompressori IHI erano stati sostituiti da due unità più grandi dello stesso produttore; grazie a questo la potenza del motore era passata da 610 CV DIN (448 kW) e 650 Nm di coppia a 680 CV DIN (500 kW) a 8000 giri / min e 735 N·m.

Il triplo differenziale 4WD Drivetrain dalla Bugatti originale era stato sostituito con un RWD transaxle molto più semplice e più leggero, con un risparmio di circa 70 kg di peso totale. Queste cifre davano alla Edonis un rapporto peso/potenza di 480 CV/tonnellata e una potenza specifica del motore di 181 CV/litro. Il marchio dichiarava una velocità massima di 365 km/h (227 mph) e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,9 secondi.

Inizialmente era prevista una produzione di 21 esemplari, tutti da consegnare entro il 2002 al prezzo di circa € 760.000, ma, dopo essere stato pubblicizzato dalla stampa[2] e aver partecipato ad alcuni saloni automobilistici, dal 2004 si sono perse le tracce del progetto[3].

Nel 2018 la B.Engineering insieme alla Casil Motors di Las Vegas ha pubblicizzato la possibile produzione di una nuova Edonis su ordinazione[4].

Note[edit | edit source]

  1. ^ (EN) Edonis Sport Car, su bengineering.it. URL consultato il 19 settembre 2018.
  2. ^ Presentazione su Virtualauto nel 2001, su virtualauto.it (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2007).
  3. ^ Alvise-Marco Seno, B-Engineering Edonis: che fine ha fatto?, su autoblog.it, 21 maggio 2006. URL consultato il 19 settembre 2018.
  4. ^ Torna la Edonis, con un nuovo aspetto e 720 Cv, su evomagazine.it. URL consultato il 19 settembre 2018.

Collegamenti esterni[edit | edit source]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili