Béla Balázs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Béla Balázs

Béla Balázs (Szeged, 4 agosto 1884Budapest, 17 maggio 1949) è stato un poeta, scrittore, regista e sceneggiatore ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Béla Balázs è lo pseudonimo di Herbert Bauer. Nacque il 4 agosto 1884 a Szeged, Ungheria. Fu autore di saggi, di poesie, di opere teatrali.

Periodizzazione biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo lavoro teorico Halálesztétika (L'estetica della morte) è stato pubblicato nel 1906; il suo primo dramma, Doktor Szélpál Margit è stata eseguita dal Teatro Nazionale Ungherese nel 1909. Le sue poesie nell'antologia Holnap (Domani) riflettono l'influenza delle canzoni popolari che aveva raccolto con il compositore ungherese Zoltán Kodály. Le sue opere poetiche Il principe di legno e Il castello del principe Barbablù sono state musicate da Béla Bartók per spettacoli prodotti dal Teatro dell'Opera di Budapest nel 1917 e 1918. Balázs fu uno dei leader culturali più importanti della repubblica sovietica di Béla Kun nel 1919 fu membro della Direzione degli Scrittori. Quando il regime cadde Balázs andò in esilio: trascorse più di 20 anni a Vienna, a Berlino, e in Unione Sovietica. Oltre a poesie e racconti, pubblicò due importanti opere teoriche sul teatro e sul cinema: A elmélete színjáték (La teoria dello Spettacolo teatrale) nel 1922 e una delle prime opere di estetica del cinema Der sichtbare Mensch, oder die Kultur des Films, pubblicata a Vienna nel 1924.

Nel 1926 si trasferisce a Berlino, dove ebbe stretti contatti con le case produttrici di film muto. Contribuì alla realizzazione di film come L'opera da tre soldi di Georg Wilhelm Pabst nel 1931 e Valahol Europában di Géza Radványi nel 1947, in Ungheria.

All'inizio del 1945 tornò in Ungheria. Istituì l'insegnamento di estetica del cinema presso l'Accademia Ungherese delle arti drammatiche e fondò l'Istituto Studi Cinematografici. Nel 1946 pubblicò il romanzo autobiografico Almodo Ifjúság ( "Dreaming Gioventù"). Nel 1949, poco prima della sua morte, fu insignito del Premio Kossuth. [1]

Nel 1958 fu intitolato alla sua memoria un premio nazionale per giovani registi. [2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Halálesztétika (L'estetica della morte) (Budapest, 1909)
  • Dr. Szélpál Margit (Dott.ssa Margit Szélpál, 1911)
  • A vándor énekel (Il vagabondo canta Nyugat, 1911)
  • A Kékszakállú herceg vára (Il castello del principe Barbablù) (1910 - da cui è stato tratto il Libretto per Béla Bartók nel 1911)
  • Misztériumok op. IV (Misteri) (1912, tre atti unici in cui il primo è A Kékszakállú herceg vára)
  • A fábólfaragott királyfi (1912)
  • Il libro delle Meraviglie illustrato da Mariette Lydis (1921)
  • Der Sichtbare Mensch (1924, Berlino-Vienna)
  • Der Geist des Films (1929)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Britannica on line
  2. ^ Mary Gluck, Georg Lukács and His Generation, 1900–1918, Cambridge, Harvard University Press 1985. ISBN 0674348664. pp. 14–16

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Béla Balázs in: Guido Aristarco, L'arte del film, 1950
  • Marco Vallora, Guardare lo sguardo. In viaggio dentro l'immagine, introduzione a Belá Balázs, Il film. Evoluzione ed essenza di un'arte nuova, Torino 1987, pp. XV-LI ISBN 8806598716

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9842518 · ISNI (EN0000 0003 6857 517X · LCCN (ENn81055682 · GND (DE119010305 · BNF (FRcb118899558 (data) · NLA (EN35012595 · CERL cnp01275245