Autobianchi A112 Bertone Runabout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autobianchi Runabout
BertoneAutobianchiA112 Runabout 1969.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Autobianchi
Tipo principale Concept car
Produzione nel 1969
Esemplari prodotti 1
Altre caratteristiche
Altro
Progetto Marcello Gandini
Altre eredi Fiat X1/9
Stessa famiglia Autobianchi A112
Bertone171 (41061761695).jpg

L'Autobianchi Runabout è una concept car che è stata ideata e progettata dal designer Marcello Gandini della carrozzeria Bertone di Grugliasco ed è stata messa in mostra in occasione del Salone dell'automobile di Torino 1969[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Interni

La vettura, dotata del propulsore della Fiat 128, era caratterizzata da una base telaistica dell'Autobianchi A112 ma a differenza di questa aveva motore e cambio centrali similmente alla Lamborghini Miura che era stata concepita pochi anni prima dallo stesso Gandini. Il disegno dalla forma a cuneo prendeva spunto anche dalle imbarcazioni da competizione del periodo con l'assenza del parabrezza canonico, ridotto ad una palpebra pressoché invisibile, cosa che fa risaltare la presenza del grande roll-bar. Anche i fari erano originali per forma e collocazione, montati ai lati del roll-bar stesso, posteriormente al posto di guida[1].

Altri riferimenti presi direttamente dalla nautica erano la plancia e i pannelli delle porte, in materiali morbidi e rivestiti in pelle. Il prototipo è stato il precursore della Fiat X1/9 presentato un paio di anni dopo, ma altri riferimenti si troveranno anche nella successiva Lancia Stratos[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) 1969 Autobianchi Runabout (Bertone), su carstyling.ru. URL consultato il 26 novembre 2016.
  2. ^ Roberto Valentini, Dalla nautica l'ispirazione per la X1/9 (PDF), in La Manovella, ASI, febbraio 2016, pp. 48-51. URL consultato il 26 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]