Auro D'Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Auro D'Alba, pseudonimo di Umberto Bottone (Schiavi di Abruzzo, 14 marzo 1888Roma, 15 aprile 1965), è stato un poeta italiano del periodo fascista e attivista del regime.

Inizialmente seguace di D'Annunzio, fu un artista di un certo rilievo nel movimento futurista, componendo poesie come Baionette e collaborando con la rivista di Marinetti Poesia.

In seguito, l'entusiasmo per il regime di Mussolini lo portò a dedicarsi soprattutto alla poetica della cosiddetta "ebbrezza fascista"; a questo periodo appartengono inni come Battaglioni M, Preghiera del legionario prima della battaglia e Inno della SS italiana, ma anche la Preghiera del vigile del fuoco del 1940.

D'Alba fu ricambiato con riconoscimenti anche di rilievo, come la nomina di console generale a capo dell'ufficio stampa della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aforismi di Auro D'Alba su Aforismario

Una poesia di Auro d'Alba su Schiavi di Abruzzo

Controllo di autorità VIAF: (EN37724564 · LCCN: (ENno98051041 · SBN: IT\ICCU\RAVV\065526 · ISNI: (EN0000 0000 6291 6592 · GND: (DE119344394 · BAV: ADV10082691