Aubrey (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aubrey
Artista Bread
Tipo album Singolo
Pubblicazione febbraio 1973
Durata 3:38
Album di provenienza Guitar Man
Dischi 1
Tracce 2
Genere Pop
Rock
Soft rock
Pop rock
Ballata
Etichetta Elektra Records
Produttore David Gates
James Griffin
Registrazione 1972
Formati 45 giri

Aubrey è un brano musicale pop-soft rock, inciso nel 1972 dal gruppo statunitense dei Bread e pubblicato l'anno seguente[1] come singolo estratto dall'album Guitar Man[1][2][3]. Autore del brano è il cantante del gruppo, David Gates.[1][2][3][4]

Il brano si ritrova inoltre in varie raccolte del gruppo[1][2] ed è stato anche fatto oggetto di alcune cover[1][3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Ad ispirare a David Gates la composizione del brano fu la visione del film con Audrey Hepburn Colazione da Tiffany.[2][4]

Fu la prima canzone scritta da Gates intitolata con il nome di una persona[4], nome che - come affermò lui in un'intervista - gli piaceva molto[4].

Testo e Musica[modifica | modifica wikitesto]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

« And Aubrey was her name »

(incipit del brano)

Si tratta di una canzone d'amore: il protagonista inizia a fantasticare, immaginando una storia d'amore con una ragazza di nome Aubrey (un nome, che come dice lui, non era molto comune all'epoca per una donna).[2] E questo nonostante lui non abbia mai avuto la possibilità di conoscere questa ragazza: lui si chiede così chi sia da biasimare per questo amore che non sboccerà mai.[2]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è accompagnato da una melodia malinconica.[2]

Il suono prevalente è quello di una chitarra acustica.[2]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

7" (versione 1)[1][5]
  1. Aubrey – 3:38
  2. Didn't Even Know Her Name – 3:09
7" (versione 2)[1]
  1. Aubrey – 3:37
  2. Tecolote – 4:28

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Posizione
massima
Nr. di settimane
Stati Uniti 15[2][4]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Del brano sono state incise delle cover dai seguenti artisti (in ordine alfabetico)[1][3]:

Il brano nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Cinema e fiction[modifica | modifica wikitesto]

  • Il brano fu inserito in un episodio degli anni ottanta della soap opera Sentieri (Guiding Light): nella finzione, viene interpretato da Lock Walls, un cantante, che, ormai provato dalla malattia, la dedica, in quello che è sarà il suo ultimo concerto (al termine dell'esibizione, infatti, muore), al suo grande amore Alexandra Spaulding, che lui, quando erano fidanzati, soprannominava appunto "Aubrey"

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica