Attilio Hortis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attilio Hortis
Attilio Hortis.gif

Vicepresidente del Senato del Regno d'Italia
Durata mandato 12 dicembre 1919 –
7 aprile 1921
Legislature XXV

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 24 febbraio 1919 –
23 febbraio 1926
Legislature XXIV, XXV, XXVI, XXVII
Gruppo
parlamentare
Non iscritto
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio laurea in giurisprudenza, laurea in lettere
Università Università di Padova, Università di Graz
Professione bibliotecario

Mario Attilio Francesco Carlo Hortis (Trieste, 13 maggio 1850Trieste, 23 febbraio 1926) è stato un patriota, storico, politico e bibliotecario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hortis nacque a Trieste da Arrigo (1823-1878), avvocato e patriota, ed Elisabetta Romano.[1] Dopo aver compiuto gli studi a Trieste fino all'età di sedici anni, si iscrisse all'Università di Padova (città in cui viveva dopo esser stato costretto ad abbandonare Trieste per seguire il padre, bandito dalla città giuliana), frequentando corsi e seminari alla facoltà di Legge e a quella di Lettere, conseguendo entrambe le lauree nel 1871.[1] Si laureò in legge anche all'Università di Graz, in modo da poter lavorare come avvocato a Trieste.[1] Nel 1873 ottenne, avendo vindo il concorso, il posto di bibliotecario alla Biblioteca Civica di Trieste.[1] Nel 1874 uscì un suo saggio su Francesco Petrarca, autore da lui sempre studiato e ammirato; negli anni seguenti si dedicò all'analisi dei testi latini di Boccaccio.[1] Nel 1875 divenne direttore della Società di Minerva, e presidente della stessa; per undici anni, dal 1876 al 1887, diresse l'Archeografo triestino.[1] Nel 1896 entrò a far parte dell'Accademia dei Lincei (socio dal 1917), mentre nel 1906 divenne socio dell'Accademia della Crusca.[1] Nel 1897 divenne deputato di Trieste all'interno del Parlamento di Vienna; in tale istituzione si fece promotore del progetto di fondare una università italiana a Trieste. Nel 1906 abbandonò l'incarico di deputato; nel 1919 divenne senatore del Regno d'Italia, ricoprendo l'incarico di vicepresidente del Senato dal dicembre 1919 all'aprile 1921.[1] A Trieste è stata ribattezzata in suo onore piazza Lipsia[2] e gli è stata dedicata la Biblioteca Civica, da lui diretta per quasi cinquant'anni (1873-1922).[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il busto in piazza Hortis a Trieste
  • Studj sulle opere latine del Boccaccio, Cerchio, Polla
  • Scritti inediti di Francesco Petrarca, Trieste, Tipografia del Lloyd austro-ungarico, 1874
  • Giovanni Boccacci ambasciatore in Avignone e Pileo da Prata proposto da' Fiorentini a patriarca di Aquileia, Trieste, Herrmanstorfer, 1875
  • Accenni alle scienze naturali nelle opere di Giovanni Boccacci e più particolarmente del libro De Montibus, silvis etc, Trieste, Tipografia del Lloyd austro-ungarico, 1877
  • Cenni di Giovanni Boccacci intorno a Tito Livio, Tipografia del Lloyd austro-ungarico, 1877
  • Documenti risguardanti la storia di Trieste e dei Walsee pubblicati da Attilio Hortis a proposito delle memorie genealogiche della stirpe Walsee-Mels e più particolarmente dei conti di Colloredo per il cav. G. B. di Crollalanza, Trieste, Herrmanstorfer, 1877
  • Le donne famose descritte da Giovanni Boccacci, Trieste, Caprin, 1877
  • Notizia inedita intorno alla presa di Marano in nome del re di Francia, 1877
  • Un condottiere triestino alli stipendi di Venezia, 1878
  • Di una recente pubblicazione di Leopoldo Delisle e intorno ad Erasmo Brasca milanese prefetto imperiale. Virginio della Forza, storico udinese e una novella del Decameron, 1878
  • M. T. Cicerone nelle opere del Petrarca e del Boccaccio : ricerche intorno alla storia della erudizione classica nel Medio evo, Trieste, Herrmanstorfer, 1878
  • Le Additiones al De remediis fortuitorum di Seneca dimostrate cosa del Petrarca e delle attinenze del Petrarca con Seneca; La corografia di Pomponio Mela attribuita falsamente a Giovanni Boccacci, Trieste, Herrmanstorfer, 1879
  • Biografia di Francesco Del Balzo Duca d'Andria e frammenti di un diario napoletano (1378-1383) trascritti da un codice della Vaticana, Trieste, Herrmanstorfer, 1880
  • I Summaquensi, Guido de Guisis e Trieste, 1882
  • Castellani bassianensis venetianae pacis inter ecclesiam et imperatorem libri 2, Trieste, Herrmanstorfer, 1889
  • Pordenone e Trieste e un poemetto inedito dei fatti di Pordenone dal 1466 al 1468. Indagini, Trieste, Caprin, 1891
  • Gli antichi podestà di Trieste, Trieste, L'Autore, 1895
  • Di Tomaso Diplovatazio e delle sue notizie sull'Istria, Trieste, Caprin, 1905
  • Di alcuni codici che Niccolò Anziani dimostrò scritti e miniati per Mattia Corvino, Trieste, Stabilimento artistico tipografico, 1908
  • Di Pietro Kandler, Capodistria, Priora, 1912
  • Dante e la Venezia Giulia, 1918
  • Le riunioni degli scienziati italiani prima delle guerre dell'indipendenza: 1839-1847, Città di Castello, Leonardo Da Vinci, 1922
  • Tomaso Luciani: ricordanze, Capodistria, Priora, 1923
  • Per la storia di Trieste: a proposito del libro di Attilio Tamaro, Roma, Nuova Antologia, 1925

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 29 febbraio 1920
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Biografia, Senato.it. URL consultato il 3 ottobre 2012.
  2. ^ F. Zubini, Grignano e Miramare, Trieste 2010, p. 44

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7379899 · ISNI (EN0000 0000 6126 6962 · SBN IT\ICCU\TO0V\150004 · LCCN (ENnr98001859 · GND (DE117011290 · BNF (FRcb10356741p (data) · BAV ADV10206657 · WorldCat Identities (ENnr98-001859