Asio (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Asio
Waldohreule in freier Wildbahn.jpg
Gufo comune (Asio otus)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Strigiformes
Famiglia Strigidae
Sottofamiglia Striginae
Tribù Asionini
Genere Asio
Brisson, 1760
Specie

Asio Brisson, 1760 è un genere di uccelli della famiglia degli Strigidi[1].

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende le seguenti specie:[1]

Sono riconosciute anche tre specie fossili:

  • Asio brevipes (risalente al Pliocene superiore della Formazione Glenns Ferry, ad Hagerman, USA);
  • Asio priscus[2] (risalente al Pleistocene superiore dell'isola di San Miguel e dell'isola di Santa Rosa, USA);
  • Asio ecuadoriensis[3] (risalente al Pleistocene superiore dell'Ecuador);

Il presunto gufo primitivo dell'Eocene superiore/Oligocene inferiore "Asio" henrici è stato riconosciuto come membro fossile dei barbagianni, del genere Selenornis. La specie "Asio" pygmaeus (spesso erroneamente pronunciato pigmaeus) non può essere assegnato ad un genere senza un ristudio del materiale. "Asio" collongensis (Miocene medio del Vieux-Collonges, Francia) è ora inserito nel genere Alasio.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) F. Gill e D. Donsker (a cura di), Family Strigidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 15 aprile 2016.
  2. ^ Collins, P. W., D. A. Guthrie, E. L. Whistler, R. L. Vellanoweth, and J. M. Erlandson. 2018. Terminal Pleistocene–Holocene avifauna of San Miguel and Santa Rosa islands: identifications of previously unidentified avian remains recovered from fossil sites and prehistoric cave deposits. Western North American Naturalist 78(3):370–404.
  3. ^ Gastón E. Lo Coco, Federico L. Agnolín e José Luis Román Carrión, Late Pleistocene owls (Aves, Strigiformes) from Ecuador, with the description of a new species, in Journal of Ornithology, in press, 2020, DOI:10.1007/s10336-020-01756-x.
  4. ^ Mlíkovský, Jirí (2002): Cenozoic Birds of the World, Part 1: Europe Archiviato il 20 maggio 2011 in Internet Archive.. Ninox Press, Prague.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Asio, su Fossilworks.org. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàJ9U (ENHE987007295761005171
  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli