Asia Rugby Championship 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asia Rugby Championship 2016
2016 Asia Rugby Championship
Competizione Asia Rugby Championship
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 29ª
Organizzatore Asia Rugby
Date dal 30 aprile 2016
al 4 giugno 2016
Partecipanti 3
Formula girone unico
Risultati
Vincitore Giappone Giappone
(24º titolo)
Secondo Hong Kong Hong Kong
Terzo Corea del Sud Corea del Sud
Promozioni Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti (in 1. div)
Retrocessioni
Statistiche
Miglior marcatore Hong Kong Benjamin Rimene (50)
Record mete Giappone Kentaro Kodama (7)
Incontri disputati 6
ARC2016-Top3 Champions 20160529a.jpg
I giocatori del Giappone festeggiano la vittoria del torneo dopo la vittoria su Hong Kong
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Asia Rugby Championship 2015 Asia Rugby Championship 2017 Right arrow.svg

L’Asia Rugby Championship 2016 (in inglese 2016 Asia Rugby Championship) fu la 2ª edizione dell'Asia Rugby Championship organizzato da Asia Rugby, nonché in assoluto il 29º campionato asiatico di rugby a 15.

La sua divisione maggiore, il Top Three, si tenne a girone unico tra le tre migliori nazionali del continente, nell'ordine Giappone, Hong Kong e Corea del Sud, e fu vinta dai nipponici che, nella circostanza, si laurearono campioni asiatici per la ventiquattresima volta[1].

Le divisioni 1 e 2 della competizione fecero parte del sistema di qualificazioni asiatiche alla Coppa del Mondo 2019[2]: già qualificato il Giappone come Paese organizzatore di tale edizione del mondiale, il torneo dovette esprimere una squadra ulteriore da contrapporre alla migliore tra le oceaniane non qualificate direttamente per l'accesso diretto o, in subordine, ai ripescaggi da disputarsi in Europa a fine 2018.

La divisione 1 fu vinta da Malaysia, mentre l'ultima classificata, Singapore, fu rimpiazzata dagli Emirati Arabi Uniti vincitori della divisione 2. La divisione 3 si tenne su base regionale e non comportò promozioni in divisione 2.

Top Three[modifica | modifica wikitesto]

Yokohama
30 aprile 2016, ore 14 UTC+9
Giappone Giappone85 – 0
referto
Corea del Sud Corea del SudMitsuzawa Stadium (4698 spett.)
Arbitro: Hong Kong Patrick Kwok

Hong Kong
7 maggio 2016, ore 16:30 UTC+8
Hong Kong Hong Kong3 – 38
referto
Giappone GiapponeHong Kong FC Stadium (3000 spett.)
Arbitro: Giappone Tatu Otsuki

Incheon
14 maggio 2016, ore 12 UTC+9
Corea del Sud Corea del Sud27 – 34
referto
Hong Kong Hong KongIncheon Namdong Asiad
Arbitro: Hong Kong Matt Rodden

Incheon
21 maggio 2016, ore 12 UTC+9
Corea del Sud Corea del Sud3 – 60
referto
Giappone GiapponeIncheon Namdong Asiad (500 spett.)
Arbitro: Hong Kong Tim Baker

Tokyo
28 maggio 2016, ore 14 UTC+9
Giappone Giappone59 – 17
referto
Hong Kong Hong KongStadio Principe Chichibu (5771 spett.)
Arbitro: Hong Kong Tim Baker

Hong Kong
4 giugno 2016, ore 16:30 UTC+8
Hong Kong Hong Kong41 – 15
referto
Corea del Sud Corea del SudHong Kong FC Stadium
Arbitro: Giappone Nori Hashimoto

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- B PT
Giappone Giappone 4 4 0 0 242 23 +219 4 20
Hong Kong Hong Kong 4 2 0 2 95 139 -44 2 10
Corea del Sud Corea del Sud 4 0 0 4 45 220 -175 2 2

Divisione 1[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
8 maggio 2016 Sri LankaSingapore 33–17 Kuala Lumpur
8 maggio 2016 MalaysiaFilippine 10–15 Kuala Lumpur
11 maggio 2016 FilippineSingapore 24–28 Kuala Lumpur
11 maggio 2016 MalaysiaSri Lanka 42–17 Kuala Lumpur
14 maggio 2016 Sri LankaFilippine 25–21 Kuala Lumpur
14 maggio 2016 MalaysiaSingapore 40–20 Kuala Lumpur
Squadra G V N P P+ P- B PT
Malaysia Malaysia 3 2 0 1 92 52 +40 3 11
Sri Lanka Sri Lanka 3 2 0 1 75 80 -5 1 8
Filippine Filippine 3 1 0 2 60 63 -3 3 7
Singapore Singapore 3 1 0 2 65 97 -32 1 5

Divisione 2[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale
18 maggio 2016 Tashkent
  Thailandia Thailandia   25  
  Guam Guam   16  
 
21 maggio 2016 Tashkent
      Thailandia Thailandia   18
    Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti   70
Finale 3º posto
18 maggio 2016 Tashkent 21 maggio 2016 Tashkent
  Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti   63   Guam Guam   23
  Uzbekistan Uzbekistan   13     Uzbekistan Uzbekistan   22


Divisione 3[modifica | modifica wikitesto]

Est[modifica | modifica wikitesto]

Solo due nazionali si presentarono in Thailandia per la disputa della terza divisione Est del campionato asiatico. Il torneo fu quindi una gara unica allo stadio Regina Sirikit, impianto nell'hinterland settentrionale di Bangkok, tra Indonesia e Laos, vinta da quest'ultimo per 48-12[3].

Pathum Thani
5 novembre 2016, ore 15:45 UTC+7
Indonesia Indonesia12 – 48
referto
Laos LaosQueen Sirikit Stadium

Ovest[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
26 aprile 2016 GiordaniaEmirati Arabi Uniti Shaheen 41–12 Amman
29 aprile 2016 GiordaniaArabia Saudita 43–13 Amman
Squadra G V N P P+ P- B PT
Giordania Giordania 2 2 0 0 84 25 +59 2 10
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 1 0 0 1 12 41 -29 0 0
Arabia Saudita Arabia Saudita 1 0 0 1 13 43 -30 0 0

Centro-Ovest[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
16 aprile 2016 QatarIran 35–12 Doha
19 aprile 2016 IranLibano 12–34 Doha
22 aprile 2016 QatarLibano 25–19 Doha
Squadra G V N P P+ P- B PT
Qatar Qatar 2 2 0 0 60 31 +29 2 10
Libano Libano 2 1 0 1 53 37 +16 2 6
Iran Iran 2 0 0 2 24 69 -45 0 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Japan win Asia Rugby Championship again, in Planet Rugby, 31 maggio 2016. URL consultato il 5 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2021).
  2. ^ (EN) Regional qualification process set for Rugby World Cup 2019, su rugbyworldcup.com, World Rugby, 12 novembre 2015. URL consultato il 7 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2018).
  3. ^ (EN) Laos crowned Asia Rugby Division 3 East champions after thumping win over Indonesia, su asiarugby.com, Asia Rugby, 10 novembre 2016. URL consultato il 6 giugno 2021 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby