Arosio (Alto Malcantone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arosio
frazione
Arosio visto dalla croce dell'alpe Agra
Arosio visto dalla croce dell'alpe Agra
Dati amministrativi
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Alto Malcantone
Data di istituzione 13 marzo 2005
Territorio
Coordinate 46°02′51″N 8°54′01″E / 46.0475°N 8.900278°E46.0475; 8.900278 (Arosio)Coordinate: 46°02′51″N 8°54′01″E / 46.0475°N 8.900278°E46.0475; 8.900278 (Arosio)
Altitudine 864 m s.l.m.
Superficie 6,56 km²
Abitanti 422 (2000)
Densità 64,33 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6939
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Arosio
Arosio – Mappa

1leftarrow.pngVoce principale: Alto Malcantone.

Arosio (Roos in dialetto ticinese) è un ex comune svizzero del Canton Ticino. Dal 13 marzo 2005 fa parte del nuovo comune di Alto Malcantone, insieme a Breno, a Fescoggia, a Mugena e a Vezio.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Monumenti artistici[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896.
  • Virgilio Chiesa, Lineamenti storici del Malcantone, Gaggini-Bizzozero, Lugano 1961.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 187-188.
  • Agostino Robertini, Silvano Toppi, Gian Piero Pedrazzi, Arosio, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1974, 25-38.
  • Plinio Grossi, Il Malcantone, riedizione della Guida Galli-Tamburini, Fontana Print S. A. Pregassona 1984, 78-80, 143, 147.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Porza-Lugano 1980, 228-229.
  • Giovanni Maria Staffieri, "Arosio", in Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 69, 76-81.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 404.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 386.
  • Alessandra Buoso, Pietro Cremona, in Costanza Roggero Bardelli, Sandra Poletto (a cura di), Le Residenze Sabaude. Dizionario dei personaggi, Torino 2008.
  • Beatrice Bolandrini, Artisti della "val di Lugano" a Torino. Un primo repertorio dei ticinesi nell'Ottocento, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Torino nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, «Arte&Storia», anno 11, numero 52, ottobre 2011, Edizioni Ticino Management, Lugano 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]