Mugena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mugena
frazione
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
ComuneAlto Malcantone
Territorio
Coordinate46°02′56″N 8°53′24″E / 46.048889°N 8.89°E46.048889; 8.89 (Mugena)Coordinate: 46°02′56″N 8°53′24″E / 46.048889°N 8.89°E46.048889; 8.89 (Mugena)
Altitudine810 m s.l.m.
Abitanti141 (2002)
Altre informazioni
Cod. postale6939
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
TargaTI
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Mugena
Mugena

Mugena (in dialetto ticinese Musgena[senza fonte]) è una frazione di 141 abitanti del comune svizzero di Alto Malcantone, nel Canton Ticino (distretto di Lugano).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale vi era forse un insediamento romano, del quale restano alcune urne cinerarie. La prima traccia del paese risale però al 1214, quando fu menzionato con il nome di Megiadina, e poi con vari altri nomi nel corso dei secoli (Migena nel 1270, Mugiena nel 1550, Mugienna nel 1591[senza fonte])[1]. Non è più visibile il castrum[1] che si trovava in località Castellaccio[senza fonte]: della fortezza resta solo una citazione in una pergamena[1] del 1296. Dell'epoca medievale e rinascimentale, tuttavia, restano 15 pergamene, oggi conservate nell'ex archivio comunale, che dal 1214 arrivano fino al 1526[senza fonte].

Il territorio del comune di Mugena prima degli accorpamenti comunali del 2005

Già comune autonomo che si estendeva per 3,7 km², il 14 marzo[senza fonte] 2005 è stato accorpato agli altri comuni soppressi di Arosio, Breno, Fescoggia e Vezio per formare il comune di Alto Malcantone.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini della frazione. L'ufficio patriziale, rieletto il 26 aprile 2009, è presieduto da Dino Degiorgi[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Bernardino Croci Maspoli, Mugena, in Dizionario storico della Svizzera, 9 gennaio 2017. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  2. ^ Agario, su alpi-ticinesi.ch. URL consultato l'8 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Chiesa, Lineamenti storici del Malcantone, Tipografia Gaggini-Bizzozero, Lugano 1961.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 438.
  • Plinio Grossi, Il Malcantone, riedizione della Guida Galli-Tamburini, Fontana Print Società Aanonima Pregassona 1984, 76-78, 142, 147.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 229.
  • Giovanni Maria Staffieri, "Mugena", in Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 73-75.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 123.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 384, 386, 398.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino