Armin Meili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Armin Meili (Lucerna, 30 aprile 1892Zurigo, 21 ottobre 1981) è stato un architetto e politico svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Heinrich Meili, che fu architetto capo della ferrovia del Gottardo e progettista della stazione di Arth-Goldau, e di Maria Anna Steiner[1], ha studiato architettura al Politecnico federale di Zurigo.

Dopo gli studi ha iniziato a lavorare nello studio di architettura del padre di Lucerna. È stato direttore dell'Esposizione nazionale svizzera dal 1936 al 1940.

Ha progettato edifici civili e religiosi, tra cui si possono ricordare la Chiesa riformata di Solothurn ed il Centro Svizzero di Milano.

Si è dedicato anche alla carriera politica, divenendo nel 1939 consigliere nazionale per il partito radicale democratico, carica che manterrà al 1955.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voce su Heinrich Meili del dizionario storico della Svizzera.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN7637776 · LCCN: (ENn82250036 · ISNI: (EN0000 0001 1020 7003 · GND: (DE119134322 · BNF: (FRcb146030981 (data) · ULAN: (EN500256310