Argyrolobium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Argyrolobium
Argyrolobium zanonii 2007 057.JPG
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Faboideae
Tribù Genisteae
Genere Argyrolobium
Specie
  • v. testo

Il genere Argyrolobium comprende leguminose del Vecchio Mondo, in gran parte proprie dell'Africa.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Circa metà delle specie di questo genere sono esclusive del Sudafrica[1]. Molte altre sono limitate all'Africa meridionale e orientale (compreso il Madagascar).

Il genere è rappresentato, oltre che in Africa, nell'Asia occidentale (fino all'India settentrionale e all'Uzbekistan) e in Europa meridionale. In Italia [1] è presente una sola specie, Argyrolobium zanonii.

La maggior parte delle specie popola territori aridi o semi-aridi.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Argyrolobium è inserito nella famiglia delle Fabacee o Leguminose, sottofamiglia delle Faboidee, tribù delle Genistee ed è quindi particolarmente affine alla ginestra.

A questo genere vengono attribuite un centinaio di specie. Catalogue of Life 2010 [2] accetta le seguenti 90 specie:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edwards, T.J. 2005. A synopsis of Argyrolobium (tribe Genisteae, Papilionoideae) in South Africa. South African Journal of Botany 71(3-4): 380-417

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]