Ardakan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ardakān
città
اردكان
Ardakān – Veduta
Localizzazione
StatoIran Iran
ProvinciaYazd
ShahrestānArdakan
CircoscrizioneCentrale
Territorio
Coordinate32°18′N 54°00′E / 32.3°N 54°E32.3; 54 (Ardakān)Coordinate: 32°18′N 54°00′E / 32.3°N 54°E32.3; 54 (Ardakān)
Altitudine1,036 m s.l.m.
Abitanti51 349[1] (2006)
Altre informazioni
Prefisso0352722
Fuso orarioUTC+3:30
Cartografia
Mappa di localizzazione: Iran
Ardakān
Ardakān

Ardakān (farsi اردكان) è il capoluogo dello shahrestān di Ardakan, circoscrizione Centrale, nella provincia di Yazd in Iran. Al censimento del 2016 contava 75271 abitanti suddivisi in 22475 famiglie[2] ed è la seconda maggiore città della provincia. Si trova 60 km a nord di Yazd e ha un clima secco.

La parola Ardakan in persiano significa "luogo santo" o "luogo pulito" (lingua persiana: arda + kan / lingua pahlavi: arta + gan). La città possiede molti monumenti storici religiosi, come la Moschea del Venerdì (Masjed-e Jameh), la Moschea Zire-deh, l'Emam-Zadeh Mir Seyyed Mohammad e centri zoroastriani. Il più noto dei quali, quello di Chak Chak[3], 40 km a est della città, è un famoso luogo di pellegrinaggio. È stata fondata nel XII secolo nella regione di Zardug.

Questa regione è uno dei centri zoroastriani dell'Iran e ci sono numerosi luoghi sacri per gli zoroastriani a Sharif-Abad, un villaggio vicino ad Ardakan. Ogni estate migliaia di zoroastriani da tutto il mondo si riuniscono lì per il pellegrinaggio.

Il santuario più importante è Pir-e Sabz Chak Chak. Altri santuari includono Pir Shah Eshtad Izad, Pir Shah Tashtar Izad, Pir Shah Mehr Izad e Pir Shah Morad.

Ardakan è il luogo di nascita dell'ex presidente iraniano, Mohammad Khatami. È anche un tipo di tappeto famoso in tutto il mondo.

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

La città è suddivisa in 4 distretti: Zeyn Aldin, Koshkeno, Bazarno e Janat Abad.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il dato proviene dal sito World Gazetteer, che non esiste più e non è stata trovata una copia disponibile
  2. ^ https://www.amar.org.ir/english
  3. ^ Chak Chakoo Fire Temple

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]