Antonio Scialoja (1879-1962)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Scialoja

Sottosegretario di Stato al Ministero dei Lavori pubblici
Durata mandato3 luglio 1924 –
12 gennaio 1925

Deputato del Regno d'Italia
In carica
LegislaturaXXIV, XXV, XXVII
Sito istituzionale

Senatore del Regno d'Italia
In carica
Inizio mandato24 gennaio 1929
Legislaturadalla XXVIII
Tipo nominaCategoria: 3
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studiolaurea in giurisprudenza
Professionedocente universitario

Antonio Scialoja (Roma, 19 novembre 1879Roma, 30 settembre 1962) è stato un giurista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Enrico Scialoja (fratello di Vittorio Scialoja) e di Cecilia Ponchiani, si laurea in giurisprudenza e diviene nel 1911 professore ordinario di diritto commerciale all'Università di Siena. In seguito occupa nel 1922 la cattedra di diritto marittimo all'Istituto superiore di scienze economiche e commerciali di Napoli, nel 1928 quella diritto marittimo all'Università di Napoli e nel 1942 quella di diritto della navigazione all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Dal 1942 al 1950 dirige l'Istituto di diritto della navigazione.

È per tre volte deputato del Regno d'Italia (1913, 1919 e 1924) ed entra poi al senato nel 1929. È membro (1934-1939) e poi vicepresidente (1939-1942) della Commissione di finanze e fa parte della Commissione degli affari interni e della giustizia (1942-1943). È inoltre Sottosegretario di Stato al Ministero dei lavori pubblici (1924-1925). Viene deferito il 7 agosto 1944 all'Alta corte di giustizia per le sanzioni contro il fascismo con l'accusa di essere tra i «senatori ritenuti responsabili di aver mantenuto il fascismo e resa possibile la guerra sia coi loro voti, sia con azioni individuali, tra cui la propaganda esercitata fuori e dentro il Senato»: è dichiarato decaduto dalle sue funzioni il 25 luglio 1945.

Antonio Scialoja fu tra i fondatori della AS Roma e ne fu presidente nel 1935.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 31 dicembre 1905
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
— 30 novembre 1924
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 17 gennaio 1935
Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 1º giugno 1940

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114659533 · ISNI (EN0000 0000 8182 9531 · SBN CFIV010256 · BAV 495/146693 · LCCN (ENn85109999 · WorldCat Identities (ENlccn-n85109999