Antonio Cippico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Cippico
Antonio Cippico.png

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 31 maggio 1923 –
17 gennaio 1935
Legislature XXVI, XXVII, XXVIII, XXIX
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione per l'esame dei Patti Lateranensi (16 maggio 1929)
  • Membro della Commissione per il giudizio dell'Alta Corte di Giustizia (27 dicembre 1929 - 19 gennaio 1934, 1º maggio 1934 - 17 gennaio 1935)
  • Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge per la conversione dei decreti-legge (1º maggio 1934 - 17 gennaio 1935)
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università di Vienna
Professione docente universitario

Antonio Cippico (Zara, 20 marzo 1877Roma, 17 gennaio 1935) è stato un politico italiano, senatore del Regno d'Italia nella XXVI legislatura.

Discendente di storica e nobile famiglia di Traù, cui appartennero fra l'altro gli umanisti Pietro, Alvise e Coriolano Cippico, nacque a Zara da Venanzio e da Carolina Salghetti-Drioli.

Tradusse in versi l'Orestiade di Eschilo insieme con Tito Marrone per la rappresentazione nel 1906 presso il Teatro Argentina di Roma.

Professore ordinario di Letteratura italiana all'Università di Londra tra 1911 e 1928 e socio della Royal Literary Society, è noto per essere aver fondato nel 1925 la rivista "Archivio storico della Dalmazia", di cui fu direttore.

Fu delegato del Governo italiano all'Assemblea della Società delle Nazioni nel periodo 1925-28.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 31 dicembre 1925

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori informazioni nella scheda sul database dell'Archivio Storico del Senato, I Senatori d'Italia.

Controllo di autoritàVIAF (EN88623500 · ISNI (EN0000 0001 0859 0867