Anton Pannekoek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anton Pannekoek (Vaassen, 2 gennaio 1873Wageningen, 28 aprile 1960) è stato un astronomo e militante comunista olandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu un militante dell'ala sinistra della Seconda Internazionale, con posizioni vicine a quelle di Rosa Luxemburg. Si oppose alla Prima guerra mondiale e raggiunse nel 1919 la Terza Internazionale, da cui fu escluso nel 1921 per la sua opposizione a Lenin.

Rigetta lo stalinismo fin dalla sua nascita: secondo lui il sistema presente in URSS non è socialista, bensì un capitalismo di Stato.

Nel 1938 pubblica Lenin come filosofo con lo pseudonimo di John Harper. Continua a scrivere durante la Seconda guerra mondiale, e pubblica con lo pseudonimo di P. Aartsz. Nel 1944 buona parte del suo archivio brucia nel corso della battaglia di Arnhem. Pannekoek resterà fedele alle sue convinzioni e mantiene una corrispondenza con Cornelius Castoriadis[1].

Ha fondato all'Università di Amsterdam un istituto di astronomia che porta oggi il suo nome [2]. Ha ricevuto nel 1951 la Medaglia d'Oro della Royal Astronomical Society. L'asteroide 2378 Pannekoek porta il suo nome.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Corrispondenza fra Castoriadis e Pannekoek
  2. ^ (NL) Il sito dell'istituto.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 66561434 LCCN: n82115317