Anonimo Italiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anonimo Italiano
Anonimo Italiano in concerto.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1995 – in attività
Album pubblicati7
Studio7
Sito ufficiale

Anonimo Italiano, nome d'arte di Roberto Scozzi (Roma, 20 giugno 1968), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debutta sulle scene musicali nei primi mesi del 1995 pubblicando il suo primo ed eponimo album, Anonimo Italiano, trainato dal primo singolo, il lento E così addio. Il cantante suscitò in quegli anni molto interesse per via di alcune peculiarità: si esibiva coprendo il viso con una maschera argentea, la sua voce quando cantava ricordava molto, seppur con sfumature diverse, la voce di Claudio Baglioni. Quest'ultima cosa portò lo stesso Baglioni a diffidare la sua casa discografica di allora, la Bmg Ariola [1], trovatosi in difficoltà davanti alle ripetute smentite sull'identità dell'allora anonimo cantante da parte della casa discografica BMG[2]. Suddetta diffida, però, non ebbe alcuna rilevanza o seguito legale, in quanto non si riscontrò alcun plagio dal punto di vista prettamente tecnico/musicale.

Il disco totalizza 120.000 copie vendute (grazie anche al successo di "Anche questa è vita"), che valgono un disco di platino nel 1995. Nel frattempo, pubblica anche il suo primo album in lingua spagnola, che viene pubblicato in Costa Rica, a Cuba e in altri paesi del Centro America. Inoltre, viene chiamato anche da Richard Clayderman, per realizzare con lui un duetto inedito di " E così addio", pubblicato nell'album "In Amore" del maestro francese[3]. Nel 1997 esce il suo secondo album Buona fortuna, anche questo certificato disco di platino in Italia, e negli anni seguenti pubblica altri due album: Dimmi che ami il mondo nel 2002 e L'infinito dentro noi nel 2006.

A distanza di sette anni, il 20 aprile 2013, esce il suo nuovo album, intitolato Five, su etichetta Hydra Music[4]. L'album contiene 10 brani inediti, uno dei quali in duetto con Amedeo Minghi, tributo dovuto alla scomparsa di Roberto Mezzetti, collaboratore e musicista di entrambi i cantautori.

Il 19 ottobre 2013 Anonimo Italiano è stato uno dei relatori per "Area Sanremo", parlando ai giovani aspiranti al Festival, al Palafiori di Sanremo[5].

Nel 2014 pubblica "Diario di un amore", una compilation dei suoi maggiori successi più due inediti, su etichetta "Primamusica Italiana", edizioni Warner Chappell- Universal Music e licenza Sony Music entertainment[6].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - E così addio
  • 1995 - Tienimi con te
  • 1995 - Anche questa è vita
  • 1996 - Buona fortuna
  • 1996 - Se anche tu come me
  • 1996 - Mi mancherai
  • 1996 - Buonanotte a te
  • 1999 - Ieri
  • 2001 - Anna (radio edit)
  • 2002 - Mai (radio edit)
  • 2002 - Dimmi che ami il mondo
  • 2002 - Ballando questo tempo
  • 2002 - Se la vita fa male
  • 2006 - Senza di te
  • 2006 - Più che puoi
  • 2006 - Ancora qui (new version 2006)
  • 2013 - E tu lo chiami... amore
  • 2013 - Oggi è lunedì
  • (2013) - " Per te farei di tutto"
  • (2013) - " E tu lo chiami...amore"
  • (2013) - " L'aquilone" (duetto con Amedeo Minghi)
  • (2014) - " Diario di un amore"
  • (2014) - " E mi manchi sempre tu"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Basta imitare" Baglioni diffida l'anonimo, in la Repubblica, 11 luglio 1995, p. 34. URL consultato il 24 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2012).
  2. ^ Mistero sull'Anonimo che canta come Baglioni, Corriere della Sera, 9 marzo 1995 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2013).
  3. ^ In amore - album, clayderman.co.uk. URL consultato il 12 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2015).
  4. ^ Hydra Music Five, su hydramusic.it. URL consultato il 13 aprile 2013.
  5. ^ Anonimo Italiano a area Sanremo 2013, su video.guidone.it.
  6. ^ In uscita Diario di un amore, il nuovo album di Anonimo Italiano, allinfo.it. URL consultato il 18 dicembre 2014.