Aniello Cimitile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aniello Cimitile

Presidente della Provincia di Benevento
Durata mandato 14 aprile 2008 –
14 ottobre 2014
Predecessore Carmine Nardone
Successore Claudio Ricci

Dati generali
Partito politico PD
Titolo di studio laurea in ingegneria
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione accademico, rettore

Aniello Cimitile (Pomigliano d'Arco, 3 gennaio 1948) è un politico e accademico italiano.

È stato presidente della Provincia di Benevento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in ingegneria elettronica all'Università degli Studi di Napoli Federico II, diviene Professore Ordinario di Ingegneria del software presso l'Università degli Studi del Sannio. È stato Rettore dell'Università degli Studi del Sannio dal 2000 al 2006 e dal 2007 al 2012 dell'Università Telematica Unitelma Sapienza.

Attività didattica e scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Ha scritto con Ugo De Carlini il libro Metodologie, Tecniche e Strumenti di Reverse Engineering, 1995 FrancoAngeli. L'attività di ricerca scientifica si è sviluppata nel campo della Ingegneria del Software. È attuale professore emerito dell’ateneo sannita e coordinatore del programma Industria I4.0 del Progetto CUR-Regione Campania.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Viene eletto membro dell'associazione nazionale del Partito Democratico a seguito delle primarie del 14 ottobre 2007. Nel 2008 viene candidato come presidente della provincia di Benevento da un'ampia coalizione di centro-sinistra e risulta eletto al primo turno con il 55,1% dei voti e succede a Carmine Nardone eletto nel 2003 al primo turno con il 73,6% dei voti.

È stato sostenuto, in consiglio provinciale, da una maggioranza costituita da: PD, Popolari UDEUR (poi passata all'opposizione), Progetto Sannio, Costituente di Centro, Italia dei Valori, Sannio Democratico, Partito Socialista Italiano e Sinistra Arcobaleno. Il suo mandato amministrativo è scaduto nel 2013, ma è stato prolungato dal governo fino al 2014.

Controllo di autoritàVIAF (EN55879184 · ISNI (EN0000 0000 3159 6709 · SBN IT\ICCU\SBLV\014837 · LCCN (ENn96050203 · WorldCat Identities (ENlccn-n96050203