Angmering

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angmering
parrocchia civile
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
RegioneSud Est
ConteaCounty Flag of West Sussex.png West Sussex
DistrettoArun
Territorio
Coordinate50°49′43.57″N 0°29′04.49″W / 50.828769°N 0.484581°W50.828769; -0.484581 (Angmering)Coordinate: 50°49′43.57″N 0°29′04.49″W / 50.828769°N 0.484581°W50.828769; -0.484581 (Angmering)
Superficie1 782 km²
Abitanti5 639 (2001)
Densità3,16 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleBN16
Prefisso01903
Fuso orario
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Angmering
Angmering

Angemering è un villaggio posto a circa 6 km da Littlehampton e Worthing nella contea del West Sussex. Si trova vicino al mare, infatti il Canale della Manica dista solo 3 km.

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchia civile si estende per circa 10 km di lunghezza e 3 di larghezza, le origini del villaggio sono remote e risalgono all'Età del bronzo, nella zona si trovano anche i resti di una villa romana. Ad Angmering si trova una chiesa del XII secolo, intitolata a St. Mary, che è stata ampiamente ristrutturata nel 1852 da Samuel Senders Teulon (2 marzo 1812-2 maggio 1873) e di nuovo nel 2009. Poco distante dal villaggio si trova Highdown Hill una collina che porta resti risalenti all'Età del bronzo e in cui oggi si trovano dei vigneti racchiusi entro gli Highdown Gardens ricavati da un'antica cava di gesso. Tutta questa zona è sotto la protezione del National Trust for Places of Historic Interest or Natural Beauty. Ad Angmering nacque Tom Olliver (1812-7 gennaio 1874), un fantino ed allenatore di cavalli da corsa che vinse il Grand National nel 1842, 1843 e 1852.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del villaggio deriva dal sassone e significa "i seguaci o i dipendenti di Angenmaer"[1].

Gemellaggio[modifica | modifica wikitesto]

Angmering è gemellato con Ouistreham nella regione del Calvados in Francia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hunter Blair, Peter (1966). Roman Britain and Early England: 55 B.C. - A.D. 871. W.W. Norton & Company. pp. 176

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]